MESSINA. Si intitola “Di donne, di ieri” il nuovo lavoro letterario di Giusi Arimatea, la giornalista messinese edito dalla casa editrice Pungitopo. «Tre esistenze lungo l’arco temporale d’un secolo che si dispiegano, accavallandosi, al richiamo della memoria -spiega in una nota la casa editrice– Sullo sfondo una Sicilia dissennata, animosa, magica, retriva, ospitale e scomoda, luminosa e lugubre, ineguagliabile impasto di terra e mare. Innanzi agli occhi una Milano composta, elegante, generosa, cautamente affabile, dai cieli grigi e dalle infinite sfumature.»

«Il lungo monologo -continuano- che trova nell’armonizzazione di elementi propri di un registro letterario e dei toni autenticamente colloquiali una personale soluzione stilistica, schiude una galleria di anime e confeziona il quadro espressionistico di un mondo lontano da scrutare con gli occhi dell’anima. La protagonista del romanzo, scovando i ricordi annidati nell’unico luogo in cui, uno a uno, avrebbe potuto disseppellirli, tesse la tela screziata della storia familiare dentro alla quale ritrovarsi. E lì magicamente rinviene gli elementi di quel magnifico intero che è l’universo al femminile cui deve la forza, l’indipendenza, l’adattabilità.»

«La morte è relegata al ruolo di mera comparsa -spiegano dalla Pungitopo- Sono piuttosto i copiosi riverberi delle esistenze, ombre e orme in quel mare inquieto di imponderabilità che è la vita, a ridisegnare un nuovo orizzonte. Al tentativo di trattenere i ricordi dentro alle mura di casa, per schivare il dolore, subentra pertanto il coraggio di vivificare le anime una volta di più, di confonderle col vento, di respirarle ancora e ancora, poi di lasciarle andare»

 

guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments