MESSINA. Per quattro giorni, dal 28 febbraio al 2 marzo, la città dello Stretto ospiterà uno degli scrittori contemporanei più amati, che per l’occasione vestirà i panni di autore teatrale e attore. Si tratta di Daniel Pennac, pseudonimo di Daniel Pennacchioni, noto al grande pubblico soprattutto per il ciclo di Malaussène, fortunata serie di romanzi incentrati sul quartiere parigino di Belleville e soprattutto sulla figura di Benjamin Malaussène, “capro espiatorio di professione”.

Nato a Casablanca nel 1944, lo scrittore francese sarà infatti a Messina per portare sul palco del Vittorio Emanuele la pièce  “Un amore esemplare”, tratta dal fumetto “Un amour exeplaire”, scritta dallo stesso Pennac e disegnata dalla fumettista francese Florence Cestac, entrambi protagonisti dello spettacolo in veste di attori.

La storia racconta di una bizzarra quanto affascinante coppia di coniugi che lo stesso scrittore francese conobbe durante la sua infanzia: Jean e Germaine, lui estremamente ricco e lei povera, legati da un sentimento passionale che li unisce attraverso la letteratura e la poesia e che li sostenta attraverso uno sfolgorio di fantasia erotica.

“Quando avevo otto anni conobbi questa coppia e ne rimasi incantato. Poi da grande decisi di raccontarli, per spiegare come l’amore porti con sé qualcosa di sovversivo nei confronti delle pressioni sociali, culturali e familiari”, racconta l’autore, in scena seduto su una sedia con un libro in mano, nel ruolo del narratore, mentre Florence, seduta di spalle, realizza dal vivo dei fumetti mostrati al pubblico con l’ausilio di un proiettore. Sullo sfondo una scenografia essenziale, fatta di pochi e semplici oggetti come un appendiabiti, un baule e qualche sedia.

Il racconto si svolge in italiano e francese, grazie al supporto di Ludovica Tinghi, che funge sia da traduttrice che da interprete insieme a Massimiliano Barbini. A supportarli le musiche di Alice Pennacchioni e le luci di Ximo Solano. La regia è di Clara Bauer.

 

guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments