MESSINA. La città dello Stretto non è tra le dieci città finaliste che si contenderanno il titolo di Capitale Italiana della Cultura 2020. «Il Mibact – scrive l’assessore alla cultura Federico Alagna – ha reso noto l’elenco. Purtroppo Messina non è rientrata nel novero di questi comuni e quindi la nostra corsa si ferma qui. Siamo molto dispiaciuti per questa decisione, nonostante fossimo ben consapevoli delle difficoltà, soprattutto alla luce delle note considerazioni di carattere geografico, visto che l’ultima città proclamata Capitale della Italiana della Cultura è Palermo (restano fuori altre candidature eccellenti, quali Ragusa e la “corazzata” Catania-Siracusa-Modica-Val di Noto). Ma nonostante tutto, come abbiamo detto più e più volte, ne è valsa la pena, e tutto questo a qualcosa è servito. Era il percorso in sé ad avere valore, ed oggi mi sento di ribadirlo più che mai».

«Nei mesi di costruzione della candidatura condivisa – continua –  abbiamo davvero messo a sistema una visione nuova della città, per la prima volta abbiamo costruito insieme (professionisti, attivisti, appassionati, istituzioni e tante e tanti altri)  una chiave di lettura del futuro culturale di Messina, che affonda le radici nel suo passato senza abbandonarsi mai alle sirene della nostalgia. Abbiamo fatto un enorme lavoro di definizione di una visione culturale strategica che ha coinvolto la città da nord a sud, dai colli al mare»

Uno sfogo amaro quello dell’assessore che nella sua pagina Facebook coglie l’occasione anche per ringraziare tutti. «Grazie di cuore – dice – alle decine e decine di cittadini e cittadine, ai funzionari del Dipartimento Politiche Culturali – Servizio Sviluppo Economico, alle associazioni, ai quindici partner istituzionali che a questo percorso ci hanno creduto e hanno lavorato con noi per questo obiettivo. Questo tesoro di nuove relazioni che si sono create, di entusiasmo, di capacità di credere nelle potenzialità (e nella realtà) della nostra città è tutto ancora lì. Non termina con la fine della nostra corsa al titolo. E’ un patrimonio che sta alla base dell’azione del nostro Assessorato collettivo e che spero possa essere un buon punto di partenza anche per il futuro. Messina ha il dovere di fare tesoro di questo primo tentativo, per molti visionario, e riprovarci il prossimo anno. Che poi, tanto di quel che c’è scritto in quel Dossier, come più volte ripetuto, è già una realtà alla quale si sta lavorando in questi mesi, dalla prima edizione del Sicilia Light Art Festival a una nuova centralità messinese per la Rassegna Internazionale del Cinema di Messina e Taormina. Non un libro dei sogni, ma una chiave per decodificare la realtà. Ci dispiace, sì, che Messina non possa essere la nuova Capitale Italiana della Cultura, ma abbiamo l’assoluta certezza che la miscela magica che si è creata ci ha messo in condizione di poter giocare questa partita fino alla fine. E se ha ragione chi dice che il percorso conta più della meta, tutto questo per noi ha già un valore inestimabile».

guest

1 Comment
meno recente
più recente più votato
Inline Feedbacks
View all comments
emmeaics
emmeaics
17 Gennaio 2018 8:31

non mi pare sia cambiato molto in questi anni l’atteggiamento dell’amministrazione Accorinti nei confronti della cultura e delle manifestazioni culturali a parte la breve parentesi dell’assessore Daniela Ursino. Prima di questa breve parentesi quasi il buio, per parlare di un’Amministrazione che ha fatto qualcosa di serio in questo campo bisogna tornare addirittura a quella del sindaco Provvidenti