MESSINA. Si intitola “Canterà” il nuovo brano del Coro del Maurolico, nato come un inno contro la violenza e l’oppressione di genere. «Il video musicale -viene spiegato- nasce dalla fusione dei brani “Lei” e “Cantaré” del cantautore Alessandro Mannarino, attraverso l’arrangiamento originale della Maestra Agnese Carrubba, direttrice del Coro Maurolico e ideatrice del progetto. L’idea è quella di affrontare un tema sociale forte e attuale, quello della lotta contro la violenza di genere, ispirandosi al mito di Antigone, l’eroina greca che seguendo la legge del cuore e della pietas compie un atto di consapevole ribellione al potere. Il Coro Maurolico partendo dalla propria identità di coro di un Liceo Classico siciliano, ha operato una armoniosa sintesi creativa tra la musica, la cultura classica e la valorizzazione della bellezza del territorio. Infatti le riprese del video sono state girate alle falde dell’Etna e al Teatro greco di Taormina, per gentile concessione del Parco archeologico di Naxos-Taormina. Il canto vuole essere un inno contro la violenza e l’oppressione di ogni genere, un inno di liberazione e un canto di speranza, auspicio che l’unione degli individui, come l’unione delle voci di un coro di giovani, possa promuovere l’armonia e il cambiamento verso un mondo migliore. La produzione di questo nuovo video è stata possibile per la convinta immedesimazione dei ragazzi, che hanno accolto con entusiasmo il progetto e lo hanno interpretato, e per la collaudata sinergia della squadra che, con il sostegno della comunità scolastica tutta, promuove l’attività corale del Maurolico: la Dirigente Scolastica Professoressa Giovanna De Francesco, la Maestra Agnese Carrubba, la Coordinatrice Professoressa Silvana Salandra, la videomaker e regista Deborah Bernava, che ne ha anche curato il montaggio audio e video»




 

guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments