MESSINA. L’assessorato all’Ambiente del Comune ha richiesto al Birrificio Messina e alle organizzazioni di categoria di aderire alla campagna lanciata dall’Anci relativa all’avvio, in fase sperimentale, della raccolta del “vuoto a rendere”. Obiettivo della campagna è quello di prevenire la produzione di rifiuti di imballaggio e favorire il riutilizzo degli involucri usati.

“Si tratta in pratica di un ritorno positivo al passato – dichiara l’assessore Daniele Ialacqua – che consente di ridurre la produzione di rifiuti e l’uso di nuove risorse, riutilizzando i contenitori delle bevande, così come eravamo abituati un tempo. Il decreto ha introdotto la sperimentazione del sistema del vuoto a rendere su cauzione con adesione volontaria del singolo esercente, per gli imballaggi contenenti birra o acqua minerale serviti da alberghi, bar, ristoranti e vari punti di consumo. La sperimentazione avrà inizio sabato 10 febbraio ed avrà la durata di un anno”.

Gli esercenti che aderiranno alla campagna saranno contrassegnati da un simbolo affisso all’ingresso dei loro locali.

L’assessore Ialacqua ha inoltre proposto agli uffici competenti la possibilità di prevedere una riduzione della tariffe Tari diretta agli esercenti che aderiranno alla sperimentazione.

 

 

guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments