MESSINA. Si svolgerà domani la prima votazione delle elezioni per la carica di Rettore dell’ateneo messinese per il periodo compreso fra il 2018 e il 2024.  Qualora non si raggiungesse il quorum previsto, martedì 27 marzo si terrà la seconda votazione e mercoledì 4 aprile 2018 l’eventuale votazione di ballottaggio.

Le candidature presentate al Decano dell’Ateneo, Adriana Ferlazzo, sono quelle di Salvatore Cuzzocrea, 46enne ordinario di Farmacologia, ex pro rettore di Pietro Navarra e figlio dell’ex rettore Diego, e di Francesco Stagno d’Alcontres, 62 enne ordinario di Chirurgia plastica e primario al Policlinico, per quattro volte deputato di Fi, nonché nipote di Guglielmo, anche lui rettore. 

I seggi elettorali resteranno aperti dalle ore 8 alle ore 20. Le operazioni di scrutinio si svolgeranno all’indomani di ogni votazione.

L’elettorato attivo  è così composto:

  • 960 fra professori di ruolo e ricercatori a tempo indeterminato – voto pieno;
  • 43 ricercatori a tempo determinato – voto pieno;
  • 5 Dirigenti amministrativi – voto pieno;
  • 50 Ricercatori a tempo determinato (di cui all’art.24 comma 3, lett. a) della legge 240/2010) – voto ponderato al 30% – voti equivalenti 15;
  • 1284 fra personale tecnico-amministrativo, lettori e collaboratori esperti linguistici   (voto ponderato,  25% del n. complessivo dei professori di ruolo e dei ricercatori a tempo indeterminato), voti equivalenti 240;
  • 24.200 fra studenti, dottorandi, assegnisti e specializzandi (voto ponderato, 30% del numero complessivo dei rappresentanti degli stessi in S.A. CdA e nei Consigli  di Dipartimento), voti equivalenti 67.

Il quorum di validità dell’elezione per l’elezione del Rettore è pari a 666 votanti.

Al fine di consentire il regolare svolgimento di tutte le operazioni di voto, le attività didattiche saranno sospese nei giorni fissati per le votazioni e nei giorni immediatamente seguenti per procedere alle operazioni di scrutinio secondo il seguente calendario:  giovedì 22 marzo (prima convocazione) e fino alle ore 14 del 23 marzo 2018 (scrutinio) al fine di consentire il regolare svolgimento delle sedute di laurea già programmate;  martedì 27 marzo e mercoledì 28 marzo 2018 (solo se avranno luogo la seconda votazione e le relative operazioni di scrutinio);  mercoledì 4 aprile e giovedì 5 aprile 2018 (solo se avranno luogo il ballottaggio e le relative operazioni di scrutinio).

L’elettorato attivo, quest’anno, per la prima volta è attribuito con voto ponderato anche a tutti gli studenti, i dottorandi, gli assegnisti di ricerca e gli specializzandi. ”Tuttavia – commenta all’Ansa Andrea Fiore dell’associazione studentesca ‘Atreju’ – la valenza del voto studentesco è molto riduttiva: il nostro voto vale solo il 30 per cento mentre quello dei docenti vale il 100 per cento”.

Per le votazioni sono stati individuati 12 seggi elettorali, tutti allocati nel plesso centrale dell’Università. Inoltre, per favorire la più ampia partecipazione al voto da parte dell’elettorato attivo, è stato istituito un servizio bus navetta dai vari poli verso il plesso centrale, e viceversa.

 

 

guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments