MESSINA. “Grazie ai concerti di domani faremo rivivere alcuni luoghi della città, offrendo spettacoli di vario genere, adatti alle esigenze di un pubblico diversificato”. Sono le parole di federico Alagna, assessore alla Cultura del comune di Messina, nel lanciare la Festa della musica 2017, un programma di iniziative realizzate in sinergia con soggetti pubblici e privati che hanno raccolto l’invito dell’assessorato comunale alla Cultura, diffuso nelle scorse settimane attraverso una manifestazione di interesse. “Un’azione culturale incisiva non può che passare da una riscoperta degli spazi e da un nuovo modo di viverli”, ha concluso Alagna. Ecco il programma.

Alle ore 18, “Musica giovane”, in piazza Immacolata di Marmo, esibizione per tutta la sera di gruppi musicali giovani (e non) della città, in collaborazione con Confcommercio Messina.

Dalle 19 alle 23.30, a Villa Cianciafara, a Zafferia, si terrà “Musica popolare: canti e balli all’aria aperta”, insieme alle associazioni culturali Sicilia e dintorni, Zampognari di Cardeto ed Ostro ed anche grazie alla cortese disponibilità del padrone di casa, ing. Mallandrino.

Alle 20, alla Caserma “Ainis”, in via Taormina 63, un susseguirsi di momenti musicali di vario genere, con la Banda della Brigata Aosta, Luciano Troja, Melo Mafali, Felicia Bongiovanni, David Carfì e l’orchestra del liceo musicale Ainis, coro Migrantes e numerosi altri artisti.

Alle 21, “Seby Burgio Piano Solo” con Note di jazz sul mare, alla Marina del Nettuno Yachting Club, di viale della Libertà, che ha collaborato per lo svolgimento dell’evento.

Dalle 21 alle 23, “Una piazza in musica”, in piazza Duomo, per recuperare gli spazi e viverli appieno, anche grazie alla musica, nel rispetto della quiete pubblica, Jam session spontanea e senza palco, libera e aperta a tutti.

guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments