Scirocco a oltre cento all’ora, come ti rovino la Pasqua (e soprattutto la Pasquetta)

Vento, sabbia proveniente dal Sahara e umidità altissima rendono le scampagnate "problematiche", ma è la Provincia che è flagellata: a Novara di Sicilia, le raffiche hanno toccato i 140 km all'ora

 

MESSINA. Sarebbe potuta essere una splendido lunedi di Pasqua, per chi avesse avuto intenzione di trascorrerlo all’aperto, invece lo scirocco ha guastato la festa. E lo ha fatto fragorosamente. Perchè se la temperatura si era stabilizzata intorno a valori di avanzata primavera, in città i venti che sono iniziati ieri ad “entrare” con violenza, superando gli 80 Kmh (con punte di 87 kmh a Campo Italia), velando il cielo con la sabbia del Sahara.

Oggi, il giorno di Pasqua, soprattutto il serata il meteo potrebbe evolversi con foschia dovuta alla combinazione di sabbia e umidità, con qualche precipitazione non significativa.

Domani, invece, il vento la farà da padrone: da pranzo in poi di oggi si andrà intensificando, con velocità di 70 kmh in città e oltre 80 kmh in collina, con una temperatura che sfiorerà i 27 gradi nel versante tirrenico e un’umidità che si assesta tra 70 e 90%.

E’ in provincia, però, che gli elementi si scateneranno: a Falcone ha superato i 100 kmh, a San Pier Niceto i 120, e addirittura a Novara di Sicilia si sono avvertite raffiche di 140 kmh, come indica il Sito insormativo agrometeorologico siciliano

Lascia un commento

avatar
400