Niente pedonalizzazione in via dei Mille, bocciata la richiesta dell’associazione Millevetrine

No della Giunta allo spazio pedonale natalizio: causa disagi alla circolazione e perdita degli stalli. La rabbia di Sandro Penna: «Mai alcuna amministrazione di qualunque bandiera politica aveva compiuto un gesto simile. È uno schiaffo alla città di Messina». Al via una raccolta firme

 

MESSINA.  «Gli assessori Pippo Scattareggia e Dafne Musolino ci hanno comunicato il diniego alla pedonalizzazione della via dei Mille. Non possiamo che provare una profonda amarezza e delusione nei confronti di un gesto che cancella in un attimo il lavoro, la passione, e gli investimenti fatti per offrire ai nostri concittadini una porzione di città finalmente sgombra dalle auto, ripulita ed abbellita per testimoniare che c’è un modo diverso di vivere la città».

Così il presidente dell’associazione Millevetrine Sandro Penna commenta il “no” da parte della Giunta alla creazione di un’isola pedonale temporanea in via dei Mille per le festività natalizie.

«Il richiamo al disagio alla circolazione e la perdita degli stalli, sono stati gli argomenti del fronte del NO che per 15 anni ha tentato di privare, senza riuscirci, le migliaia di messinesi che hanno sempre riempito la via dei Mille quando pedonalizzata. Il progresso e la civiltà, non sono semplici da raggiungere o da praticare, ma mai, mai alcuna amministrazione di qualunque bandiera politica aveva compiuto un gesto simile nei confronti della città – scrive Penna – Abbiamo interloquito da destra a sinistra, e con tutti i sindaci e commissari che si sono susseguiti in oltre un decennio, ed oggi a questo stesso gruppo di 90 commercianti viene impedito di investire i propri soldi sulla propria strada e a beneficio di tutti i messinesi, dunque non solo dei loro clienti, in un momento così difficile per non dire drammatico per il commercio nel centro città. Città nelle quali ormai solo zone a forte valenza commerciale, attrezzate, abbellite e certamente pedonalizzate, costituiscono uno dei primi argini contro la fuga dei consumatori verso i grandi centri commerciali, anche solo per i 30 giorni del massimo consumo annuale rappresentato dagli acquisti di Natale. Abolire una tradizione che più di ogni altra manifestazione cittadina ha dato un senso ed un clima al Natale degli ultimi 15 è uno schiaffo alla città di Messina, e riteniamo doveroso che siano i messinesi ad esprimersi in merito a tale decisione e, per tale motivo, cominceremo una raccolta di firme che testimoni la volontà di cittadini, commercianti e residenti della via dei Mille, ad avere almeno a Natale una città migliore»

«Come più volte dichiarato nei giorni scorsi – si legge nel testo firmato dagli assessori – si conferma che l’amministrazione è disponibile a pedonalizzazioni di breve durata (max 2 o 3 giorni) per l’organizzazione  di eventi specifici. A riguardo si rappresenta che la chiusura di via dei Mille e traverse, per un periodo prolungato di un mese ha causato nel tempo notevoli disagi alla circolazione stradale, con la perdita di numerosi stalli della sosta, mentre si ritiene che che la pedonalizzazione dell’intera Piazza Cairoli nelle immediate vicinanze, soddisfi le esigenze della cittadinanza».

 

Lascia un commento

avatar
400