MESSINA.  Eliminare la corsia preferenziale degli autobus, stringere il marciapiede e creare degli stalli a pagamento per le auto. È la proposta lanciata dall’associazione “Le Vetrine di Via Garibaldi”, presieduta da Lillo Valvieri, per tutelare i commercianti e i clienti dei negozi di via Garibaldi. Un’idea, nata in seguito alla “pioggia” di multe inflitte agli automobilisti che parcheggiano nella corsia preferenziale che va dalla prefettura a piazza Castronovo, che verrà discussa domani, a Palazzo Zanca, nel corso di un incontro con l’assessore alla Viabilità Gaetano Cacciola.
A darne l’annuncio, in una nota, è la stessa associazione, che vanta una quarantina di associati, nata con l’obiettivo di valorizzare l’arteria cittadina e “risvegliare le coscienze dei soggetti che hanno un legittimo interesse su un’arteria considerata sino a ieri di serie B”, scrivono di sè i membri dell’associazione.
Cosa chiede l’associazione dopo “le decine di multe inflitte a clienti e commercianti della via Garibaldi che, davanti all’impossibilità di trovare un parcheggio, nella zona non esiste sosta a pagamento, avevano parcheggiato nella corsia preferenziale, parallelamente al marciapiede che va dalla prefettura a piazza Castronovo”?.
L’associazione, in una nota, chiedeva, non di potere trasgredire, ma di cambiare la viabilità, consentendo il parcheggio a pagamento con la realizzazione degli stalli. Valvieri aveva allargato il suo appello chiedendo maggiore decoro, una più potente illuminazione, una pulizia straordinaria. L’appello è stato ascoltato. “Così nelle ultime ore si sono gettate le basi per quella che ha il carattere di una rivoluzione”, si legge in un comunicato.
Si chiede, quindi, di abolire “quella corsia preferenziale che di fatto non è utilizzata dagli autobus. Basterebbe dunque stringere leggermente il marciapiede e ottenere degli spazi blu a pagamento”
guest
1 Comment
meno recente
più recente più votato
Inline Feedbacks
View all comments
Ciccio
Ciccio
7 Febbraio 2018 16:00

Di fatto gli autobus nn utilizzano la corsia a loro dedicata perché Messina è la capitale mondiale degli incivili. Tanto vale fare i parcheggi a patto però che i bus nn passino da via Garibaldi.