MESSINA. E’ stato pubblicato ieri il nuovo libro del celebre, e celebrato, fumettista messinese Lelio Bonaccorso, dal titolo “Vento di libertà”, che ha come protagoniste due messinesi d’eccezione, Dina e Clarenza, e racconta una storia al femminile che celebra il coraggio e la determinazione di due donne. La trama porta indietro nel tempo, per la precisione nel 1266 quando la Sicilia, fino ad allora governata dalla dinastia svevo-normanna, passa sotto il dispotico giogo degli Angioini. Mentre i dominatori si permettono ogni libertà, il popolo si dibatte fra tributi insostenibili, fame e ingiustizia. In questo scenario si intrecciano le vite di Dina e Jacques: lei siciliana, lui francese, due mondi lontani, diversi, ma uniti da un sentimento profondo. Nel 1282 il malcontento popolare esplode nella rivoluzione del Vespro: al grido di Antudo si risvegliano le coscienze dei siciliani che con fierezza ovunque si ribellano agli oppressori. Spinte da un profondo amore per la libertà, due donne – la stessa Dina e la sua amica Clarenza – sfideranno la morte, lottando in nome di colei che infonde coraggio nei propri figli: la grande Sicilia, madre di vita e preziosa custode dei popoli.

La prefazione al graphic novel è stata scritta da un’altra messinese d’eccezione, Nadia Terranova. “Gli uomini hanno sempre raccontato la storia a modo loro, piegandola a una versione maschilista e patriarcale dei fatti, ovvero lasciando che il talento, la forza e la capacità delle donne scivolassero nel silenzio; degli uomini sappiamo quasi sempre tutto, delle donne quel poco che siamo riusciti a salvare dalla cancellazione. Anche la vicenda di Dina e Clarenza è lacunosa e contraddittoria, quindi per reinterpretarla è utile unire alle competenze storiche quella capacità di immaginazione che solo un artista può avere. Non è la prima volta che Lelio Bonaccorso crea scene e dettagli di una Messina antica, ed è sempre bello accorgersi che nelle sue tavole non vi è nostalgia bensì uno sguardo che si poggia sul passato per creare futuro. Anche in questo libro, che rispecchia fedelmente i tempi che racconta (ma, ahimè, anche i nostri), ci sono uomini che tentano di assoggettare le donne, trattandole come merce di loro proprietà. La necessità di guardare il mondo con lo sguardo delle donne non è, però, l’unico tema che emerge. Ci sono la paura del diverso, dello straniero, la sopraffazione del più debole”.

Lelio Bonaccorso è fumettista, illustratore e insegnante presso le Scuole del Fumetto di Palermo e Messina. Il suo primo graphic novel è Peppino Impastato, un giullare contro la mafia, sceneggiato da Marco Rizzo. La collaborazione si rinnova con Gli ultimi giorni di Marco Pantani, Primo, Que Viva el Che Guevara, su una versione a puntate di Gli Arancini di Montalbano per La Gazzetta dello Sport e su Jan Karski l’uomo che scoprì l’Olocausto. Nel 2014 pubblica 419 Africa Mafia, sceneggiato da Loulou Dédola e nel 2021 Caravaggio e la ragazza, scritto da Nadia Terranova. Con Tunué ha già pubblicato The passenger con Marco Rizzo e il regista Carlo Carlei.

“Il graphic novel – spiega Lelio Bonaccorso – è basato su fatti storici ma anche romanzato, e racconta di tempi purtroppo contemporanei come la resistenza di un popolo su una superpotenza e incontro/scontro tra culture diverse, ma anche l’emancipazione delle donne. La storia vuole parlare di Messina ad un pubblico più vasto, così come è già successo con altri miei lavori, e merita di essere sdoganata a livello nazionale e oltre”, ha concluso l’autore. L presentazione del volume avverrà venerdi 11 marzo alle 18 alla libreria Feltrineii di Messina.

 

guest

1 Comment
meno recente
più recente più votato
Inline Feedbacks
View all comments
trackback

[…] Nel graphic novel uscito nelle librerie a inizio marzo anche la prefazione firmata dalla scrittrice … […]