MESSINA. Anche l’Università di Messina accoglierà 2 dei 45 rifugiati destinatari di borse di studio che proseguiranno il loro percorso accademico in 23 atenei italiani, grazie al Progetto UNICORE – University Corridors for Refugees.

I due giovani sono Dawit Afeworki Kifle, idoneo all’immatricolazione al CdL magistrale in “Business Consulting and Management” (curriculum in International Management) e Ahmed Ali Mohammed, idoneo all’immatricolazione al CdL in  Geophysical Sciences For Seismic Risk”.
La selezione studentesca, svolta dalle singole Università, si è basata sul merito accademico e la motivazione.  

Entrambi i ragazzi, che arrivano a Messina grazie al lavoro ed al sostegno del CEMI – Centro per la Migrazione, l’Integrazione sociale e la comunicazione interculturale dell’Ateneo peloritano, sono di origine eritrea e vengono dall’Etiopia (dove si trovavano con lo status di rifugiati).  Complessivamente, i vincitori delle borse sono rifugiati provenienti da Eritrea, Etiopia, Somalia, Sudan, Sud Sudan e Repubblica Democratica del Congo. 

 

Gli studenti inizieranno un periodo di quarantena, reso obbligatorio dall’emergenza pandemica, al termine del quale potranno avviare il loro percorso universitario presso gli Atenei italiani ospitanti.

Il Programma risponde ai principi dell’UNHCR (L’Alto Commissariato delle Nazioni Unite per i Rifugiati) che – entro il 2030 – si pone l’obiettivo di raggiungere un tasso di iscrizione del 15% a programmi di istruzione superiore per i rifugiati in Paesi d’accoglienza e Paesi terzi, anche attraverso l’ampliamento di vie di accesso sicure come i corridoi universitari. 

guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments