Un gruppo di pescatori in protesta ha bloccato gli imbarchi della Caronte a Villa San Giovanni. Le navi sono state quindi trasferite a Reggio Calabria. Disagio per i passeggeri in transito per la Sicilia costretti dalla protesta a spostarsi verso il capoluogo per poter attraversare lo Stretto. Lo sciopero è stato organizzato da Cgil, Cisl e Uil e dai lavoratori del settore della pesca delle marinerie meridionali che hanno minacciato di consegnare imbarcazioni e licenze qualora non si dovesse trovare una soluzione per la situazione di disagio che ha investito il settore: “I pescatori artigianali così facendo si estingueranno – hanno spiegato i pescatori in protesta – per colpa di politici e assessori regionali che hanno avallato le politiche nazionali ed europee”. Lo sciopero è terminato alle 17. Il traghettamento da Villa San Giovanni dovrebbe riprendere regolarmente dalle 17,30-18. 

Soltanto pochi giorni fa il consigliere del VI quartiere aveva denunciato alla Guardia costiera la pesca illecita con rete nello Stretto di un’imbarcazione di Bagnara Calabra. 

(Ha collaborato Giorgia Nunnari)

guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments