PALERMO. Un “prezzo” compreso fra i 6 miliardi e i sei miliardi e mezzo di euro. È la stima dei “costi dell’insularità” della Sicilia secondo uno studio della Regione, che ha provato a quantificare lo svantaggio economico che deriva dall’essere un’isola. L’obiettivo, in altri termini, è quello di quantificare la perdita economica che i siciliani pagano annualmente per la loro condizione di isolani.

Due gli approcci metodologici affrontati, uno basato sull’analisi del Pil pro capite e l’altro sull’analisi dei costi di trasporto. «Entrambi i modelli presentati – si legge nelle slide (in basso) – pur nelle loro differenze metodologiche, si collocano sullo stesso ordine di grandezza nella stima dell’impatto del costo d’insularità, conferendo una certa robustezza ai risultati conseguiti».

guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments