MESSINA. Sono due le proposte del Comune di Messina sulla protezione delle coste che hanno ottenuto il massimo punteggio, a pari merito, nella graduatoria della piattaforma Rendis. A comunicarlo, in una nota, è l’assessore ai Lavori Pubblici, alla Difesa del suolo e alle Politiche del territorio, Sergio De Cola: «Una buona notizia che dà il giusto riconoscimento al lavoro svolto negli ultimi anni dal servizio difesa del suolo».

Nello specifico, il servizio 2 “Pianificazione e Programmazione Ambientale” dell’ARTA, a seguito di verifica della graduatoria delle proposte di finanziamento inserite nella piattaforma Rendis aventi ad oggetto la mitigazione del rischio erosione costiera, ha accertato che vi sono due proposte di maggior punteggio, a pari merito, entrambe presentate da Palazzo Zanca:

1) Lavori urgenti di salpamento e rifioritura delle barriere frangiflutti esistenti lungo il litorale Ionico del Comune di Messina dell’importo di € 2.472.000,00 (punteggio 152,85);

2) Lavori urgenti di salpamento e rifioritura delle barriere frangiflutti esistenti lungo il litorale Tirrenico del Comune di Messina dell’importo di € 2.803.300,00 (punteggio 152,85).

Pertanto, avendo il Piano operativo FSC 2014-2020 una disponibilità aggiuntiva di € 3.000.000, l’ARTA ha proposto al Ministero dell’Ambiente il finanziamento del progetto numero due, in quanto avente (a parità di punteggio) il maggiore importo, compatibile con il finanziamento. L’Ente ha invitato altresì il Comune ad aggiornare il progetto con il nuovo prezzario. «Si evidenzia – conclude De Cola – che il finanziamento è aggiuntivo rispetto a quelli richiesti sul bando 5.1.1 per cui si aspetta risposta».

 

guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments