MESSINA. La prestigiosa cornice del Museo della Scienza e della Tecnologia di Milano ha ospitato la tredicesima edizione del Premio Leonardo Innovazione che ha visto, tra i premiati di quest’anno, due progetti messinesi.

Oltre quello di Giulia Savoja, uno studio che rende alcuni materiali più sostenibili per l’ambiente, nella categoria Dottorandi, è stato premiato il progetto dal titolo “Metodologia predittiva innovativa del Fire Weather Index (FWI) per la protezione del territorio da incendi boschivi tramite algoritmo di elaborazione integrata di dati da satellite e rilevamenti-drone site-specific in tempo reale”. L’idea è della dottoranda dell’Università di Messina Iolanda Borzì, responsabile del progetto e team-leader del gruppo di cui fa parte anche il dottorando Antonino Galletta.

Il premio è stato assegnato da una commissione formata da personalità di spicco del mondo accademico, della ricerca e dell’impresa, come il Rettore del Politecnico di Milano Ferruccio Resta, il matematico Alfio Quarteroni, il Direttore Generale del Museo Nazionale della Scienza e della Tecnologia Fiorenzo Galli e il Chief Technology Officer di Leonardo Luciano Marcocci.

Non è la prima volta che Iolanda Borzì si aggiudica premi prestigiosi: già a giugno, l’ingegnere messinese si era aggiudicata il premio “Mele d’oro 2017” della Fondazione Marisa Bellisario

guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments