MESSINA. Un cacciatore messinese ha perso la vita dopo essere precipitato per oltre 60 metri in un burrone nella località di Pezzolo, nell’estrema periferia sud della città. L’uomo, un esperto cacciatore, era uscito dalla propria abitazione alle prime ore dell’alba di mercoledì.

Il mancato ritorno all’orario stabilito ha però spinto i familiari preoccupati a mettere in moto la catena dei soccorsi per avviare le ricerche già dalle 11 di questa mattina. Le operazioni di recupero del corpo dell’uomo hanno reso necessario l’intervento di Vigili del Fuoco, del Soccorso Alpino e dei sanitari del 118 insieme a un elicottero della Polizia di Stato. La zona nella quale è infatti precipitato il cacciatore è risultata particolarmente impervia da raggiungere.

Nonostante i mezzi messi a disposizione dai Vigili del Fuoco, intervenuti con un’autopompa, un pick-up e un furgone SAF attrezzato per tecniche speleo alpino fluviali, dalla Polizia di Stato e dagli esperti del soccorso alpino giunti da Reggio Calabria, è stato possibile recuperare il corpo dell’uomo solo intorno alle 18,30 e grazie al coraggio dei soccorritori. Non è ancora chiaro se l’uomo abbia imboccato un sentiero sbagliato o sia precipitato nel vuoto a causa di un malore.

guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments