MILAZZO.  Stalking e lesioni nei confronti della ex moglie trentaquattrenne. Con quest’accusa il Gup del Tribunale di Barcellona Pozzo di Gotto Salvatore Pugliese ha rinviato a giudizio un impiegato postale milazzese, G. S., di 38 anni. Sul banco degli imputati anche la presunta amante dell’uomo, una quarantenne originaria di Pace del Mela, accusata di favoreggiamento.

Secondo l’accusa formulata dal Pm Sarah Caiazzo, il postino non avrebbe gradito non avrebbe preso di buon grado la decisione della moglie, stanca di continui soprusi, di separarsi. Questo il momento epifanico che avrebbe dato il “la” a una serie di minacce di morte al suo indirizzo e a quelli dei familiari. Le minacce sarebbero avvenute sia privatamente che in luoghi pubblici, come ad esempio all’ingresso della scuola frequentata dai figli e persino sul luogo di lavoro della moglie, licenziata proprio a causa degli atteggiamenti e delle continue invasioni del marito,  accusato anche di pedinamenti. La prima udienza si terrà al Tribunale di Barcellona il 22 maggio. I due imputati sono difesi dall’avvocato Giuseppe Lo Presti. La vittima, che si è costituita parte civile, è difesa dall’avvocato Diego Lanza.

guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments