MESSINA. Si è conclusa oggi l’assemblea del Socio unico della MessinaServizi convocata a seguito della bocciatura del piano tariffario TARI 2021, che avrebbe comportato un ulteriore rincaro della tassa rifiuti, già una delle più care d’Italia.

«Avevamo già spiegato in Aula – scrivono in una nota l’assessore all’ambiente Dafne Musolino e il presidente di Messinaservizi Pippo Lombardo – che la bocciatura del Piano Tariffario avrebbe avuto un impatto sulla spesa del personale per l’impossibilità di potere sostenere la spesa attuale, ma siamo rimasti inascoltati e, anzi, siamo stati bersaglio di scherni e invettive nel corso del consiglio comunale. Durante l’assemblea il Socio Unico ha chiarito che non intende in alcun modo ripianare eventuali debiti della Messina Servizi che dunque deve spendere esattamente l’equivalente del corrispettivo ed ha invitato la Società ad adottare ogni provvedimento necessario per rimodulare la spesa contenendola entro il limite del corrispettivo dell’anno 2020, cioè senza quei 5 milioni di euro che erano previsti per l’anno 2021».

«La Messina Servizi -prosegue la nota – ha dunque elaborato un nuovo piano economico attenendosi alle indicazioni del Socio unico, per cui le scelte che siamo obbligati a compiere sono le seguenti:
⁃ Non potremo rinnovare il contratto per i 32 lavoratori a tempo determinato il cui contratto scade il 2 agosto;
⁃ Avvieremo la cassa integrazione a rotazione per circa 120 dipendenti della Messina Servizi per la durata di circa 28 settimane con integrazione salariale;
⁃ Non sarà possibile procedere alla assunzione di altri 130 lavoratori per il servizio di spazzamento;

Il Socio Unico ha inoltre esortato il Cda della Messina servizi a procedere all’insediamento del Direttore generale secondo le risultanze della procedura selettiva che si è conclusa il mese scorso, dando seguito alle necessarie verifiche e comunicazioni di Legge. La Messina Servizi procederà ad avviare le comunicazioni alle OO.SS. per l’avvio della cassa integrazione e alla stipula del contratto con il primo classificato nella graduatoria formata all’esito della procedura selettiva, ing. Nicola Russo».

guest
3 Commenti
meno recente
più recente più votato
Inline Feedbacks
View all comments
Sandro
Sandro
1 Agosto 2021 22:47

Che senso ha avuto subappaltare all’azienda dusty, se mancano le risorse per il personale già in servizio? Malelingue dicono scopi elettorali? Fosse che fosse accussi???

trackback

[…] da 54 milioni per il 2021, e quindi la permanenza di quello in vigore da 48 milioni, provocherà cassa integrazione, contrazione dei servizi e mancate assunzioni, come annunciato dal presidente di MessinaServizi Bene Comune Pippo Lombardo e dall’assessora […]

trackback

[…] anche quello di MessinAccomuna, che commenta la diretta di stamani del sindaco Cateno De Luca e la nota stampa firmata da Dafne Musolino e Pippo Lombardo. «L’istigazione è un reato. Accusare pubblicamente […]