MESSINA. Per due giorni, Palazzo Zanca si è trasformato nel comune di… Manila, la capitale delle Isole Filippine. Ieri e oggi, infatti, 28 e 29 aprile, nell’atrio del palazzo municipale di Messina si è trasferita l’ambasciata del paese del sud-est asiatico, con una “struttura mobile” e gli addetti di ambasciata e consolati. Perchè?

Per permettere ai cittadini filippini, che vivono e lavorano a Messina e in tutta la Sicilia, di sbrigare le proprie pratiche consolari, evitando disagi economici, familiari e occupazionali che potrebbe richiedere invece recarsi a Roma. Gli addetti dell’ambasciata si sono occupati di tutte le incombenze burocratiche, dal rilascio delle carte d’identità ai permessi di soggiorno. Per questo, gli addetti diplomatici, muniti di computer, stampanti e tutti gli strumenti occorrenti, hanno servito centinaia e centinaia di connazionali.

La comunità filippina è la seconda più numerosa in città, con 2005 abitanti censiti nel 2006. La prima, come spiegato nel servizio di letteraEmme sulle 133 comunità straniere residenti a Messina, è quella dello Sri Lanka, con 3250 residenti. E infatti, qualche anno fa a Messina era arrivata anche l’ambasciata “mobile” dell’isola a sud dell’India.

guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments