MESSINA. Concorso di idee per la copertura dello stadio Franco Scoglio di San Filippo, lavori di manutenzione straordinaria, manutenzione a MessinaServizi e ritorno dei grandi eventi (Vasco Rossi nel 2022, Tiziano Ferro nel 2023), “fatti fuggire” l’anno scorso con la mancata clausola dell’organizzazione degli spettacoli nel bando per ‘affidamento pluriennale dello stadio, prima assegnato e poi cancellato.

Sono i programmi dell’amministrazione comunale per lo stadio, presentati nel corso di una conferenza stampa stamattina da Cateno De Luca e gli assessori, allo Sport e Grandi Eventi, Francesco Gallo, ai Lavori Pubblici, Salvatore Mondello, al Patrimonio, Francesco Caminiti, e dal presidente della Messinaservizi Bene Comune Pippo Lombardo.

“Il quadro è cambiato e di conseguenza lo stadio torna ad essere al centro di una strategia che non deve pensare esclusivamente ai grandi eventi episodici, ma ad un ciclo di attività in una struttura da utilizzare al massimo, come abbiamo già fatto con villa Dante”, ha spiegato De Luca.
“Alcuni ricordano – ha aggiunto l’Assessore Gallo – che ho già vissuto questa esperienza circa 15 anni fa, quando il Messina era in serie A. Lo stadio, da poco inaugurato, fu aperto ai grandi eventi con il concerto di Vasco Rossi. Conosco la storia, soprattutto la ricordo da cittadino oltre che da Assessore, ora i tempi sono maturi per fare rinascere questo stadio, che è il tempio del calcio e dei grandi eventi e come tale deve essere trattato. Il segnale di ripresa del calcio cittadino è uno stimolo per tutti. Evidentemente non possiamo pretendere che in un momento di così grave crisi economica le società possano farsi carico di spese e interventi, quindi il Comune si sta adoperando sia per renderlo in condizioni da ospitare il campionato di Lega Pro che per i grandi eventi, ma soprattutto per riqualificarlo in maniera adeguata. La partecipazione dei privati è importante ma si deve sempre tenere presente che lo stadio è della città, dei tifosi e di chi ne vuole fruire e pertanto deve continuare a vivere con soluzioni di continuità. Rimaniamo comunque aperti a tutti i contributi che possano arrivare per questo e per gli altri impianti sportivi. Si è lavorato in questi mesi per rimettere la città di Messina al centro dei grandi eventi che ritorneranno sia nel 2022 che nel 2023”.

L’Assessore Mondello si è soffermato nel dettaglio sui lavori di manutenzione straordinaria per un totale di 500 mila euro, che sono già iniziati e prevedono “il ripristino del sistema di video sorveglianza, dei tornelli e della Sala del Gos per le operazioni di controllo, la sistemazione e la gestione dell’illuminazione delle torri faro, del sistema antincendio, dell’impianto elettrico e gli interventi di manutenzione di edilizia e idraulica, su prescrizione della Commissione di Vigilanza, per ottenere subito un’agibilità parziale dello stadio per 6 mila 900 posti”. L’Assessore Caminiti, invece, ha sottolineato come “il concorso di idee stabilito dall’Amministrazione comunale sia una procedura ad evidenza pubblica prevista dal codice degli appalti. Sono stati fissati tre premi per complessivi 50 mila euro da distribuire tra coloro che riusciranno a presentare le migliori idee finalizzate alla copertura totale e/o parziale dello stadio Scoglio, utilizzando le fonti energetiche rinnovabili”.

Il Presidente di Messinaservizi Lombardo ha annunciato che a breve partiranno i lavori di sistemazione e di pulizia all’interno e all’esterno dello stadio.

guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments