MESSINA. Dal 30 settembre al 15 dicembre prossimo si terrà la prima edizione de La Biennale dello Stretto.
L’evento nasce da un progetto di ricerca, analisi e indagine del territorio mediterraneo sviluppato da Alfonso Femia con 500×100 dal 2018 a oggi, finalizzato a cogliere le reali potenzialità di rilancio dell’area mediterranea,
La prima edizione de La Biennale dello Stretto si propone di elaborare progettualità innovative tra lo Stretto e l’intorno mediterraneo internazionale, attraverso una mostra esito di una Call to Action rivolta ad architetti e artisti e momenti di dibattito, dal 30 settembre al 4 ottobre 2022 con personaggi autorevoli del mondo della cultura, dell’architettura e dell’arte, avviando una relazione permanente tra le città del Mediterraneo in un’ottica di scambio e condivisione degli eventi culturali. I curatori saranno Alfonso Femia e Francesca Moraci, con un nutrito equipaggio.

L’evento è promosso da 500×100 società benefit, dall’Ordine degli Architetti di Reggio Calabria e dalle Città Metropolitane di Reggio Calabria e Messina. Qui per consultare il programma delle cinque giornate tra Calabria e Sicilia: in questo stretto di mare nuove traiettorie sono possibili.

guest

1 Comment
meno recente
più recente più votato
Inline Feedbacks
View all comments
trackback

[…] The Blue Growth Farm project video (https://www.youtube.com/watch?v=WkPXl45l81I) was run at the first edition of the “BIENNALE dello STRETTO”, inaugurated on 30th September 2022 and expected to deploy its programme till 15th December 2022 https://www.letteraemme.it/la-biennale-dello-stretto-il-programma-della-prima-edizione/).  […]