MESSINA. La gestione degli impianti sportivi e le misure previste per la ripartenza dello sport in città. È il contenuto di un’interrogazione urgente presentata lunedì all’assessore Pippo Scattareggia e al sindaco Cateno De Luca dal capogruppo del M5s Andrea Argento, che chiede di conoscere quali azioni siano state messe in atto dall’Amministrazione per garantire agli Enti cittadini e a tutti gli sportivi messinesi di poter programmare le proprie attività dopo lo stop forzato legato all’emergenza Covid.
«Le federazioni e le associazioni – spiega Argento – stanno organizzando la ripartenza di tutti i campionati, ma devono avere contezza degli spazi a loro disposizione per svolgere le sessioni di allenamento e le partite ufficiali delle varie discipline. Il Comune di Messina, proprietario e gestore di numerosi impianti, chiusi ormai da mesi, deve metterli nelle condizioni di poter lavorare, garantendo strutture idonee dal punto di vista dell’igiene e della sicurezza, altrimenti si corre il rischio di mettere in ginocchio l’intero movimento sportivo messinese».
«L’Amministrazione De Luca, che si è insediata ormai da due anni – prosegue – per propria volontà politica ha azzerato le risorse per la manutenzione e le utenze degli impianti. Per di più, oltre ai mancati interventi, non esistono ancora bandi per la gestione degli impianti sportivi “minori” della città, quali ad esempio palestre, palazzetti e campi di atletica leggera, la cui gestione resterà quindi di competenza diretta del Comune anche per l’imminente inizio della stagione, che senza un’adeguata programmazione potrebbe essere messa seriamente a repentaglio, con tutto ciò che ne consegue dal punto di vista agonistico e soprattutto sociale. Da un anno a questa parte – conclude – tutto è rimasto fermo, con migliaia e migliaia di sportivi che brancolano nel buio malgrado i soliti proclami e numerose segnalazioni all’Amministrazione da parte del sottoscritto sull’operato dell’assessore al ramo. È una situazione inaccettabile ed è necessario intervenire nell’immediato per evitare di dover mettere una pietra tombale sullo sport a Messina».

La replica dell’assessore è arrivata a stretto giro di posta, a margine si un sopralluogo effettuato al mini autodromo di Sant’Agata, “che sarà interessato da interventi di riqualificazione per ospitare il Campionato europeo di automodellismo 2021, assegnato alla città di Messina”.

«Nel corso del sopralluogo – ha detto Scattareggia – sono stati stimati i costi per il recupero della struttura, l’intenzione di questa Amministrazione è quella di recuperare l’impianto, che versa in uno stato di forte abbandono, e restituirlo alla città dopo che la precedente Amministrazione aveva addirittura comunicato al Demanio l’intenzione di volerlo dismettere. Relativamente ai bandi, Palazzo Zanca dopo aver pubblicato il bando per la gestione dello stadio “Franco Scoglio” sta definendo quelli per gli altri impianti cittadini. Abbiamo fatto un tavolo tecnico – ha proseguito lAssessore  – insieme all’assessore Francesco Caminiti ed ai Dipartimenti Sport e Area Tecnica. I tempi per ultimare le procedure del Franco Scoglio si sono allungati, ma adesso si sta proseguendo per concludere tutto anche per le palestre e i palazzetti, oltre che per lo stadio Celeste. Abbiamo stanziato 80mila euro per le infiltrazioni del Palarescifina mentre sono in fase di completamento i lavori per il Palatracuzzi dove sarà riparata un’ulteriore perdita d’acqua. Complessivamente sono 26 gli impianti, alcuni hanno rilevanza economica ed entro l’estate contiamo di pubblicare i bandi per affidare la gestione delle strutture ancora vacanti”.
Poi la risposta ad Argento: «Sembra che si voglia fare terrorismo. Il Salva Messina ha previsto l’azzeramento dei costi nell’ottica di un futuro affidamento, anche lo scorso anno era così, ma non mi risulta ci siano stati problemi. Palazzo Zanca ha continuato a farsi carico delle utenze e tutto ha funzionato. Stiamo lavorando sul Palamili, PalaRussello e PalaTracuzzi, un successivo step interesserà gli impianti Montepiselli, Ritiro e Juvara, ed un bando a parte riguarderà il Palarescifina».

guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments