MESSINA. Assunzioni tra le partecipate del comune di Messina Patrimonio Spa e Messina Social City. Sono stati pubblicati i due avvisi con cui le aziende ricercano personale: la prima per assunzioni vere e proprie, la seconda per una “long list” da cui attingere personale alla bisogna. Patrimonio Spa ha approvato la pubblicazione di un avviso di selezione pubblica, per titoli ed esami, per la copertura di sei unità di personale da assumere con contratto di diritto privato a tempo pieno e determinato per vari profili professionali. Nella fattispecie si tratta di vari profili da istruttore amministrativo a figure professionali quali geometra e ingegnere oltre a responsabile dell’ufficio ragioneria e gestione del personale. Messina Social City ha invece emanato una selezione per soli titoli (qui il link con le informazioni) su piattaforma digitalizzata, cui sarà possibile accedere esclusivamente attraverso il Sistema Pubblico di Identità Digitale (SPID), finalizzata alla predisposizione di graduatorie da utilizzare, per l’assunzione di personale a tempo determinato, per esigenze temporanee. Le figure che si ricercano sono ben 1790: cento psicologi, cento pedagogisti, dieci sociologi, 10 impiegati amministrativi, 100 assistenti sociali, 300 assistenti all’autonomia e alla comunicazione, 50 infermieri, 10 fisioterapisti, 10 terapisti occupazionali, 10 psicomotricisti, 10 logopedisti, 300 educatori, 30 educatori, 40 animatori, 10 mediatori interculturali (conoscenza 2 lingue oltre l’italiano), 150 Operatore Socio Sanitario, 50 conducenti di mezzi e automezzi con patente CQC, 50 conducenti di mezzi e automezzi con patente C.A.P. B /K, 10 operai specializzati, 300 operatori socio assistenziali, assistenti domiciliari, adest ed equipollenti, 20 cuochi, 10 manutentori, 100 ausiliari e/o operatori addetti all’assistenza ed all’accoglienza di base non formati, 10 aiuto cuochi.

guest

1 Comment
meno recente
più recente più votato
Inline Feedbacks
View all comments
Messinese stanco
Messinese stanco
20 Agosto 2022 13:26

Ma Cateno De Luca non doveva abolirle tutte le partecipate?