MESSINA. Cinque mesi dopo il convegno “Dallo spettro della disoccupazione al riscatto sociale”, promosso dalla senatrice del M5s Grazia D’Angelo, il caso del Birrificio Messina approda in Senato nel corso del voto di fiducia sulla Legge di Bilancio, che prevede specifiche agevolazioni fiscali per i casi di “workers buyout”: un fenomeno che consiste nell’acquisizione della maggioranza o della totalità del capitale sociale di un’impresa da parte dei rispettivi dipendenti per far fronte alle crisi aziendali ed occupazionali. Proprio come nel caso dei 15 mastri birrai messinesi, che dopo una lunga vertenza occupazionale hanno saputo reagire alla crisi, dando il via a un progetto imprenditoriale di grande successo. Una storia di coraggio, capacità e caparbietà raccontata in Aula dalla senatrice Susy Matrisciano, che ha citato il Birrificio come un esempio virtuoso, dando seguito alle iniziative promosse dalla senatrice Grazia D’Angelo.

«Il provvedimento – spiega la portavoce messinese – prevede l’eliminazione della tassazione sulla liquidazione anticipata della Naspi ai fini Irpef per chi sceglie di investire l’indennità di disoccupazione in una cooperativa di lavoro. Si tratta di una agevolazione fiscale che premia tutti quei lavoratori che hanno il coraggio di guardare al futuro e scelgono di non arrendersi, scommettendo sul valore delle proprie competenze in aree del paese che altrimenti rischiano di impoverirsi ulteriormente».

 

 

guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments