MESSINA. Da Castanea a Piazza Duomo e dal Duomo a Linguaglossa, con soste a Nizza di Sicilia, Letojanni e Taormina. Parte così la terza edizione del “Giro dei Due Mari con Marzia”, la manifestazione cicloturistica che si terrà nei giorni 7, 8 e 9 Giugno, nata dal desiderio di un padre di portare in bici con lui la figlia disabile (per cui ha creato “La Marzia”, una bici particolare che le permette di stare in equilibrio).

Il raduno dei ciclisti era stato fissato per le 7:30 davanti alla sede dell’ASD di Castanea, l’Associazione cicloturistica che, in collaborazione con l’ACSI, ha organizzato la manifestazione. Ma la partenza ufficiale è avvenuta a Piazza Duomo alle 9:30, in presenza del Questore Mario Finocchiaro, del Vice Questore Irene Onolfo, del dirigente generale della polizia stradale Sergio Iannello e del Presidente della IV Circoscrizione Francesco Quero, che sono stati onorati e felici di augurare buona fortuna ai ciclisti e ricevere il tradizionale gagliardetto del giro, simbolo dell’abbattimento delle barriere mentali e architettoniche. Dedicato anche un post sulla pagina Facebook della Questura.

Prima della partenza, sono stati donati a Marzia dei fiori da una signora, fiori che sono stati portati e lasciati all’interno del Duomo dalla ragazza stessa.

Ora di partire. Pronti gli amici dell’ASD di Castanea e dell’ACSI regionale e provinciale; Fabiola e Francesca, sul tandem di non-vedenti; Giuseppe, Salvo e Dario, con le loro handbike; e, in prima fila, Marzia con il papà.

La prima sosta è stata a Nizza di Sicilia, dove ad aspettare c’erano il sindaco  Antonio Pietro Briguglio e i suoi cittadini, che hanno offerto un leggero rinfresco a base di frutta; per l’occasione sono stati consegnati ai cittadini il gagliardetto e una targa, quest’ultima affissa sul muretto del lungomare a testimoniare l’abbattimento delle barriere grazie al giro.

Percorrendo la SS 114, sono arrivati a Letojanni intorno alle 14, dove un’altra barriera è stata abbattuta nella scuola comunale “Antonino Biondo”. Ad accogliere i ciclisti, i bambini e il sindaco Alessandro Costa, che ha valorizzato l’importanza di questa avventura come “stimolo importante per le amministrazioni della città”. Anche qui sono stati lasciati il gagliardetto e la targa.

Il pranzo è stato offerto dall’associazione “Pro Loco” di Letojanni, ai ciclisti e alla carovana di amici e parenti che li hanno accompagnati, a cui si sono aggiunti, solo per un breve tratto, i ragazzi delle squadre “Ciclisti dei Peloritani Messina” e “Internet Point De Salvo”.

Finito di mangiare, gli atleti si sono mossi verso Taormina, dove hanno vissuto un’esperienza che li ha commossi. Dopo una granita offerta dal bar “Licchio’s”, una platea di turisti si è radunata a semicerchio battendo le mani alla loro partenza: indirettamente, un’altra barriera era stata abbattuta.

In seguito all’avventura di Taormina, gli atleti hanno dovuto affrontare la salita di “Piedimonte”, dove un imprevisto ha rallentato la corsa: a causa della coda di automobili formatasi è dovuta intervenire la polizia locale chiedendo l’autorizzazione, fornitagli poco dopo da Santi Caprì, responsabile della sicurezza.

Ultima tappa della giornata: Linguaglossa. Ad attendere la comitiva, il sindaco Salvatore Puglisi e il Presidente dell’associazione ciclistica “Bici club Davide Di Mauro”, Angelo Di Mauro, con un tappeto rosso che invitava i ciclisti ad entrare all’interno della palestra inaugurando così la nuova entrata per i disabili. Gagliardetto e targa, e in cambio, donata a Marzia una coppa dall’associazione ciclistica.

Un meritato riposo ha infine atteso gli atleti, che hanno pernottato in due monasteri diversi: “Mareneve” e “Casa San Tommaso”.

Le foto sono disponibili sulla pagina Facebook del “Giro dei Due Mari con Marzia”, arricchita anche dalle dirette registrate durante la giornata tra emozioni e imprevisti (come la ruota della handbike di Giuseppe che si è bucata dopo appena 20 minuti dalla partenza da Castanea).

 

guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments