Per iniziare si può visitare il bacino di carenaggio in via San Raneri. Le visite sono previste oggi dalle 9,3′ alle 17 e domenica dalle 9,30 alle 17,30. I “lavori del Bacino di Carenaggio ebbero inizio nel 1869 – spiegano dal Fai –  il Comune di Messina incaricò il Genio civile per la costruzione. Nel 1924 la gestione del Bacino passò al Consorzio Cittadino e successivamente nel 1932 alle dipendenze della Regia Marina che rimodernò le attrezzature ed arricchì il comprensorio con nuovi edifici e varie officine per la riparazione delle navi.

Sempre a Messina e sempre nella zona falcata, imperdibile la visita alla storica lanterna del Montorsoli, il grande artista che lasciò la sua impronta a Messina con la splendida lanterna che indicava alle navi il confine di terra, e la pregiatissima fontana di piazza Duomo.

Stessi orari sia sabato, 9,30 – 17, che domenica 9,30 – 17,30.

Le visite sono a cura di varie scuole  messinesi: Liceo Scientifico “G. Seguenza”, Liceo Scientifico Statale “Archimede”, Collegio “Sant’Ignazio”, Istituto Comprensivo “E. Drago”, Istituto Comprensivo “Villa Lina Ritiro” plesso Castanea, Istituto d’Istruzione Superiore “La Farina-Basile”,Istituto Superiore d’Istruzione “F. Maurolico”, Istituto Comprensivo “n.15 E. Vittorini, Istituto Superiore “Minutoli” sez. Quasimodo Turistico e Liceo scientifico, Istituto Comprensivo Cannizzaro “Galatti”, Istituto Tecnico Nautico “C. Duilio”.

 

Aperti dal Fai in provincia il palazzo Larcan Russo e la Chiesa madre di Capizzi. 

Il primo, un palazzo seicentesco dove si possono ammirare le scene mitologiche dell’alcova e le pitture delle quattro stagioni.

10 – 13 / 15.30 -20

 

Da visitare anche la Chiesa madre, il tempio dedicato al Santo patrono San Nicola di Bari, la cui origine è attribuita ai Greci orientali che abitarono la Sicilia nell’epoca Romano-Greca.

Orari 10 – 13/16 – 20 sia sabato che domenica

Visite a cura degli Apprendisti Ciceroni: Istituto Comprensivo “L. Sanzo” .
 
Perfetto week-end, invece, per ammirare il parco archeologico di Naxos e la villa di Isolabella, ovvero villa Caronia, anche nota come la Casa rossa. 
 
Orari: 9,30 – 10/15- 19
 

 

guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments