MESSINA. “Un fenomeno ormai fuori controllo che determina rischi per la salute dei cittadini e incidenti stradali”. Dopo numerose sollecitazioni ricevute da gruppi e associazioni animaliste,  il candidato alle elezioni regionali Giuseppe Grioli punta il dito contro “l’emergenza randagismo” in città, invitando il sindaco e il prefetto ad intervenire con urgenza. 

“La questione  – spiega l’esponente della lista “Claudio Fava Presidente, Cento Passi per la Sicilia” –  è in primo luogo determinata da un deficit di prevenzione da parte degli enti preposti, innanzitutto l’insufficienza delle sterilizzazioni da parte dell’Asp che hanno causato una crescita esponenziale di cani e gatti randagi nel territorio comunale e provinciale. È fondamentale – prosegue Grioli – che Prefetto e Sindaco convochino con un urgenza un tavolo tecnico per tentare di arginare questa emergenza e qualora non fosse sufficiente, ricorrere ad ordinanze specifiche che obblighino l’Asp e l’ospedale veterinario dell’università ad intraprendere immediatamente una campagna di sterilizzazione straordinaria per tentare di arginare la grave emergenza in corso, così come richiesto al sindaco in una lettera del 12 settembre a firma di alcune associazioni animaliste”.

“Occorre – continua Grioli – riaprire il presidio sanitario dell’Asp di viale Giostra e quelli della provincia, inopinatamente chiusi ed accentrati alla facoltà di Veterinaria, per ripristinare il numero sufficiente di sterilizzazioni e registrazioni in anagrafe ed avviare contestualmente un piano di investimenti per l’attuazione della Legge Regionale 15/2000m che prevede la costruzione di Rifugi sanitari per cani e gatti. Non è pensabile –conclude il politico – che a sopperire alle croniche carenze delle istituzioni provvedano centinaia di volontari e cittadini che badano autonomamente al sostentamento ed alle cure di questi poveri animali”.

guest

1 Comment
meno recente
più recente più votato
Inline Feedbacks
View all comments
Giuseppe Di Prima
Giuseppe Di Prima
20 Ottobre 2017 20:48

Bisognerebbe iniziare un piano, oggi, per avere i frutti “domani”. Basterebbe copiare la situazione di Viterbo che io conosco bene perché sono stato consulente e responsabile del’attuale successo. Ho consigliato oltre la sterilizzazione di tutte le femmine che venivano ospitate nel canile municipale, la sterilizzazione raccomandata e GRATUITA ai possessori privati, naturalmente in piena libertà.