MESSINA. Fissare ulteriori giorni per il ritiro dell’umido nelle abitazioni dove vi sono bambini fino a tre anni di età o che presentano forme di disabilità . Questo è quanto richiede il consigliere comunale di LiberaMe, Massimo Rizzo, all’Amministrazione comunale, affinché intervenga a favore delle famiglie già socialmente svantaggiate e non si creino situazioni caratterizzate da carenze igieniche o, comunque, di particolare disagio.

“Alcune famiglie, residenti nelle zone interessate, presentano tra i propri componenti del nucleo familiare persone affette da disabilità, anche gravi e tali soggetti, in ragione del loro status, necessitano di una particolare assistenza personale relativamente alla cura del proprio corpo, con frequenti cambi dei ‘pannoloni’ o di altro materiale utilizzato per la loro igiene personale”, scrive il consigliere nell’interrogazione, aggiungendo che “sarebbe necessario predisporre uno o due stalli riservati al carico ed allo scarico delle merci anche per evitare intralci alla circolazione”.

La raccolta dell’umido, sottolinea ancora Rizzo, è prevista un giorno a settimana, due per chi ne fa esplicita richiesta alla Messinaservizi. “Tuttavia, i soli due giorni di ritiro (mercoledì e sabato) non appaiono sufficienti a smaltire i rifiuti accumulati, anche in ragione del frequente uso del materiale citato”.

“Tale servizio, peraltro, consentirebbe un più corretto conferimento di pannolini e pannoloni contribuendo ad aiutare l’ambiente, essendo composti da materiali che, una volta separati, possono essere recuperati”, conclude il consigliere comunale di LiberaMe.

guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments