Municipio, Palazzo Zanca

 

MESSINA. “L’iscrizione del Comune di Messina all’Anagrafe Antifascista istituita dal Comune di Stazzema”. E’ quello che chiedono i consiglieri comunali del Partito democratico, Alessandro Russo, Gaetano Gennaro, Felice Calabrò e Antonella Russo, con una mozione di adesione inviata all’Amministrazione comunale e approvata dal Consiglio Comunale.

“Nel settantesimo anniversario dell’entrata in vigore della Costituzione Repubblicana, il Comune di Stazzema (LU) ha istituito l’ “Anagrafe Antifascista” per la costituzione di un Comune virtuale antifascista. L’iscrizione è aperta a tutti i Comuni italiani”, spiegano i consiglieri.

La Carta di Stazzema, a fondamento della istituzione dell’Anagrafe Antifascista, reca: “Iscriversi significa condividere, affermare, rivendicare i principi raccolti nella presente Carta, che sono alla base della nostra democrazia, della Costituzione italiana, della Dichiarazione Universale dei Diritti Umani, del Parco Nazionale della Pace di Sant’Anna di Stazzema. Iscriversi significa ‘essere per’: un mondo senza guerre, terrore e forme di oppressione, un futuro migliore, di progresso sostenibile, bellezza e civiltà; la fiducia nell’uomo e nelle sue potenzialità, nella ragione, nella cultura. Per questo l’Anagrafe è antifascista, perché il fascismo è sinonimo di totalitarismo e autoritarismo; non solo un periodo storico quanto anche l’espressione di una visione del mondo e dell’uomo orientata al passato, arcaica, fatta di istinti, violenza, discriminazione, oppressione, razzismo. Essere antifascisti è una battaglia di civiltà: è l’affermazione di un universo di idee e di valori opposti ai totalitarismi. Aderendo al Comune Virtuale Antifascista e sottoscrivendo la ‘Carta di Stazzema’: Affermiamo che esistano diritti inalienabili che ogni essere umano possiede, senza distinzione per ragioni di pensiero, razza, colore, sesso, lingua, religione, opinione politica, origine nazionale o sociale.  Affermiamo il valore della persona umana e delle sue libertà, di pensiero, coscienza e religione; il diritto di tutti: a poter esprimere liberamente le proprie opinioni, senza discriminazioni, minacce o persecuzioni, ad autodeterminarsi come individuo, ad avere un lavoro e condurre un’esistenza dignitosa; il diritto ad una sfera privata inviolabile nell’ambito della proprietà, della persona, della vita, della famiglia. Affermiamo il valore dell’istruzione e la possibilità di ognuno di accedere ad un’informazione libera, imparziale e accessibile a tutti, come strumento di pieno sviluppo della persona e di crescita collettiva. Affermiamo il valore della giustizia e di un giusto processo; la tutela delle minoranze; l’uguaglianza di tutti di fronte alla legge; il rifiuto di ogni schiavitù, tortura, punizione crudele o inumana. Affermiamo l’importanza delle pratiche democratiche, nella convinzione che la sovranità appartenga al popolo e che ognuno abbia diritto di partecipare al governo del proprio Paese. Affermiamo il rispetto dell’altro, delle sue opinioni e convinzioni; il valore del dialogo, del confronto, come modalità di risoluzione dei conflitti tra individui come delle controversie internazionali. Affermiamo che il futuro non è il fascismo. La civiltà, il progresso, il futuro appartengono alla dimensione democratica. Aderire all’Anagrafe è un impegno a sentirsi parte di una comunità, che agisce per affermare e rivendicare con orgoglio e coraggio i principii della Carta, per restituire loro forza, dignità, fascino, per riportarli al centro del dibattito pubblico, della vita quotidiana, della contemporaneità”.

“I valori democratici su cui è fondata la comunità messinese, così come espressamente richiamati dallo Statuto La Città di Messina si è distinta in azioni di alto valore civile e di contrasto alle forme di violenza della guerra nazifascista, essendone insignita di Medaglia d’Oro giusto decreto del Presidente della Repubblica”, ricordano i consiglieri, che così intendono impegnare il sindaco Cateno De Luca per l’scrizione all’Anagrafe Antifascista.

 

guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments