MESSINA. Manca dai social per una settimana, ma quando rientra Cateno De Luca lo fa col botto. E attacca il consigliere del Pd Alessandro Russo. Che stavolta trova il partito ed il capogruppo a spalleggiarlo.

E’ iniziato tutto con un post di Russo sulla sua pagina Facebook in cui sottolineava come il problema sollevato ieri da De Luca stesso, e cioè il necessario “cambio di passo” anche in giunta, con la sostituzione di qualche assessore, si sarebbe reso necessario da molto tempo.

Un appunto che a De Luca non è piaciuto, e che ha provocato una reazione spropositata a mezzo Facebook, in cui ha tirato in ballo il “dante causa” di Russo (che sarebbe l’ex presidente del IV quartiere Ciccio Quero), le elezioni del 2013, u un’altra mezza dozzina di cose, apostrofando Russo con epiteti del tipo “leone da tastiera e pecora d’aula”, e  frasi del tenore”Chi è abituato a tradire il proprio compagno di partito tradirà sempre la città” (e confondendo il giorno del Ricordo col giorno della Memoria, errore poi corretto nel post).

A difendere Russo, stavolta, oltre alle decine di attestati di solidarietà, è stato il suo partito. “Il Partito Democratico esprime solidarietà al consigliere Alessandro Russo oggetto della gogna mediatica via Facebook che il nostro illustre primo cittadino riserva quotidianamente a quelli che non la pensano come lui o a quelli in difficoltà da esporre al pubblico ludibrio. Anche il giorno e le modalità utilizzate per consumare le sue frasi offensive sono un segnale del suo non rispetto della storia e delle istituzioni. Non mancherà al consigliere Russo e a tutti gli eletti del Partito Democratico, con il rigoroso approfondimento degli atti amministrativi, modo e tempo di dimostrare il basso profilo istituzionale e le continue inadempienze sotto l’aspetto amministrativo del Sindaco e della sua giunta”, spiegava una nota diffusa poco dopo.

Molto più incisivo il capogruppo in consiglio comunale dei Democratici Gaetano Gennaro: “Come capogruppo del Partito Democratico esprimo piena solidarietà al collega Alessandro Russo per l’attacco politico e personale sferrato da De Luca nei suoi confronti. Ancora una volta il Sindaco si è reso protagonista di una invettiva verbale violenta e priva di stile nei confronti di chi esprime opinioni diverse dalle sue. Le parole di De Luca sono inaccettabili e mirano a colpire non solo l’esponente politico ma anche a screditare un rappresentante istituzionale eletto dai cittadini. Un tale modo di intendere i rapporti politici non serve alla tredicesima città d’Italia che avrebbe bisogno di esempi molto diversi da quelli reiteratamente assunti da De Luca. Probabilmente dopo una settimana di completa assenza dalla scena un giorno in più di silenzio sarebbe stato più opportuno non solo per i singoli ma anche per l’intera collettività messinese continuamente offesa dai comportamenti del Sindaco”, ha concluso il consigliere.

guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments