MESSINA. Un consiglio più giovane e, per la prima volta, con presenze femminili: queste e tante altre sono le novità della Camera di Commercio targata Ivo Blandina, eletto oggi presidente dopo quattro anni di commissariamento. Socio fondatore alla fine degli anni Ottanta dell’agenzia marittima “Blamar snc” e dell’impresa portuale “Comet srl”, Blandina è anche a capo della “Marina del Nettuno srl” e della “Marina del Nettuno Milazzo srl”, aziende che gestiscono  due porticcioli turistici a Messina e nella cittadina mamertina. Già presidente di Confindustria Messina, il nuovo leader della Camera di Commercio è anche componente del Comitato Portuale dell’Autorità portuale.

“Abbiamo insediato un ottimo Consiglio per composizione, rappresentatività, distribuzione geografica, settori merceologici e, soprattutto, è presente una forte componente femminile, prima del tutto mancante. Anche l’età media si è abbassata in maniera verticale”, spiega Blandina. 

Ivo Blandina

Sul taccuino del presidente, i primi nodi da sciogliere: “Mercoledì ci sarà un incontro con tutti i dipendenti per sapere cosa fanno così da verificare se la macchina amministrativa abbia bisogno di una messa a punto per attuare il programma ambizioso che ci siamo prefissati”. Un altro punto fondamentale riguarda le finanze: “Dovremo risolvere i problemi di sostenibilità economica legati alle pensioni e alla riduzione del contributo camerale (unica fonte di entrata, ndr) che è stata operata. Verificheremo – aggiunge – anche i locali dati in affitto, sui quali sono già stati fatti dei correttivi”.

I ventisei consiglieri che hanno eletto Blandina su proposta del presidente di Confesercenti, Alberto Palella, si sono insediati questa mattina. “Siamo riusciti a dare voce a tutte le nostre istanze – ha detto il neopresidente nel suo discorso di ringraziamento  – condividendo un progetto fondato su valori e idee. Un percorso comune intrapreso e portato avanti per il bene della Camera di commercio. Un Ente che deve tracciare la linea di sviluppo economico-occupazionale per la crescita del territorio”.

Questi i 26 consiglieri: Agricoltura e pesca, Nino Cammaroto e Rosa Natoli; Commercio, Stefania Giubrone, Maurizio La Malfa, Carmelo Picciotto, Alberto Palella, Flora Mondello, Francesco Rella e Stellario Bossa; Industria, Ivo Blandina, Massimo Finocchiaro e Cettina Scaffidi Militone; Artigianato, Luigi Spignolo, Antonino Abate e Vito Siracusa; Servizi alle imprese, Daniele Andronaco, Benny Bonaffini e Salvatore Sciliberto; Turismo, Giovanni Calabrò e Sveva Arcovito; Trasporti e spedizioni, Roberto Franchina; Cooperative, Paolo Siracusano; altri settori, Giuseppe Santalco; Consumatori, Mario Intilisano; Sindacati, Tonino Genovese; Liberi professionisti, Attilio Liga.

guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments