MESSINA.  Mentre l’Ateneo ha appena finito di celebrare se stesso e i suoi laureati a Taormina, la politica studentesca universitaria vede instaurarsi nuovi equilibri rispetto alle scorse elezioni con l’affermazione, almeno in questo primo momento, di associazioni lontane politicamente dal Governo dell’Università di Messina e dal Rettore Pietro Navarra.

Questa mattina, infatti, Giuliano Calapaj, Angela Alessandrino, Davide Benanti e Francesco Amendola sono stati eletti nuovi componenti del Cug, il Comitato Unico di Garanzia per le pari opportunità, la valorizzazione del benessere di chi lavora e contro le discriminazioni. Calapaj e Amendola sono dell’associazione “Gea Universitas” e vicini al deputato regionale Nino Germanà, Davide Benanti è dell’associazione “Zancle” mentre Angela Alessandrino appartiene all’associazione “Università Eclettica” di Emilio Minniti. A eleggerli, con voto segreto, sono stati i due rappresentati degli studenti al Consiglio d’Amministrazione dell’Ateneo e i cinque Senatori Accademici.

 

Sempre oggi,  è stata votato il componente del Consiglio degli Studenti del dipartimento di Civiltà Antiche e Moderne: a spuntarla su Gianmarco Lui (4 voti, dell’associazione “Artù”, vicina al presidente dell’Ars Giovanni Ardizzone, e con il supporto dall’associazione Orum) è stato Claudio Paladino dell’associazione Universitaria “Atreju” (8 preferenze, supportato da Gea Universitas ed Ermes).

Claudio Paladino

Le restanti elezioni che porteranno al completamento dei rappresentanti dei 12 dipartimenti al Consiglio degli Studenti, e che a loro volta sceglieranno il Presidente, si terranno entro il mese di settembre.

 

 

guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments