MESSINA. «La campagna elettorale in corso ripropone schemi che ritenevamo ormai del passato. Due grandi coalizioni di interessi, certamente distanti dalle vere necessità dei cittadini, e tante liste per raccogliere consenso senza guardare alle storie personali ed ai contenuti dei programmi». Inizia così il commento sulle prossime amministrative dell’associazione di impegno civile “Indietro non si torna”,  che in una nota prende di mira certi meccanismi della “vecchia” politica tornati improvvisamente in auge, ribadendo al contempo la necessità di proseguire il percorso di cambiamento intrapreso cinque anni fa.

«Siamo convinti – si legge nel testo – che sono tantissimi i cittadini che hanno compreso che il percorso iniziato con la sindacatura di Renato Accorinti è difficile, molto complesso, ma deve continuare, per evitare di riconsegnare la città a quei gruppi che l’hanno ridotta a brandelli per decenni. Assistiamo ad un astuto gioco delle parti in cui non sono chiari i confini e le differenze tra centro destra e centro sinistra, con candidati e gruppi di potere che indifferentemente si candidano con gli uni e con gli altri, continuando anche la triste abitudine di saltare sul carro del possibile vincitore, sulla scia di quanto in questi anni è stato ampiamente sperimentata in consiglio comunale”, prosegue la nota, con un esplicito riferimento ai recenti “cambi di casacca” degli ultimi giorni e un accenno “fra le righe” a Lucy Fenech, che dopo l’addio ad Accorinti correrà per la lista “personale” del candidato

Poi l’affondo nei confronti delle due grandi coalizioni di centrodestra e centrosinistra: «Eccoli lì, divisi apparentemente, ma insieme nei fatti, pontisti dichiarati e timidi no-ponte, affossatori della variante salva colline, gli assenteisti storici al consiglio comunale, i condannati per gettonopoli, tutti insieme scendono in campo pronti a riprendersi la leva del comando. Rispetto a tutto questo – conclude il comunicato – l’associazione Indietrononsitorna continuerà ad essere con convinzione dall’altra parte».

 

 

 

guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments