MESSINA. Su Cateno De Luca, non si esaurisce nemmeno l’eco di una notizia, che è già tempo di raccontarne una successiva: nemmeno il tempo di annunciare la presentazione della sua biografia, che il deputato regionale annuncia la sua fuoriuscita dall’Udc e l’adesione al gruppo Misto. L’assemblea regionale si è insediata sul finire della scorsa settimana, e già De Luca ha creato scompiglio cambiando casacca.

La comunicazione urbi et orbi, come da tempo accade, è affidata al suo profilo Hacebook. “Il mio obiettivo non è avere ruoli, perché voglio candidarmi a sindaco di Messina, quello è il mio fine – ha spiegato in un video il deputato – Quello che è mancato all’interno dell’Udc è mancato un chiarimento sulle posizione interne al partito, ma soprattutto sui criteri e sulle scelte che vengono fatte”.

Poche parole, e abbastanza criptiche, che non spiegano interamente i motivi del suo passaggio, che non è chioarito nemmeno nel post sul social network: “Io faccio tutto alla luce del sole e non condividendo la logica dei pupi e dei pupari quando mi trovo di fronte a personaggi che si intendono pupari io reagisco avvisandolo preventivamente che non è giusto trattare gli altri come pupi: la perseveranza a fare u spertu porta alla rottura. Ho votato il collega di gruppo Udc Bulla per il ruolo di questore a conferma che la mia uscita dal gruppo Udc non ha nulla a che vedere con rivendicazioni personali perché io sono Cateno De Luca e non ho bisogno di ruoli per farmi valere. Chissà se ci sarà un chiarimento ? Attendiamo che qualcuno batta un colpo! Io nel frattempo inizio a preparare la mia proposta di finanziaria nell’interesse della Sicilia e dei Siciliani che sicuramente sarà diversa da quella che sta elaborando la maggioranza e l’opposizione!”.

guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments