MESSINA. Un’interrogazione urgente, indirizzata al sindaco Cateno De Luca, sulla procedura di affidamento in esterna del servizio di RSPP aziendale operata da Messina Servizi Bene Comune dal 2019 ad oggi.

A presentarla è il consigliere comunale Alessandro Russo dopo l’ordinanza del Tribunale di Messina che ha dichiarato illegittimi gli atti di concorso “nella parte in cui la Commissione esaminatrice ha escluso il ricorrente per mancanza del requisito dell’inquadramento”, ordinando alla società di procedere all’affidamento dell’incarico nei suoi confronti

La questione riguarda un avviso pubblicato in data 22/10/2019, con cui la Messina Servizi Bene Comune S.p.A. indisse una selezione per il reclutamento di un responsabile di prevenzione e protezione dai rischi (RSPP) da individuarsi all’interno del personale in possesso del diploma di istruzione secondaria.

Il bando prevedeva che dalla selezione pubblica sarebbero stati esclusi dalla partecipazione i “rappresentanti dei lavoratori” a vario titolo. Nonostante ciò, un dipendente iscritto all’Ugl, “ritenendo di essere leso nei propri diritti costituzionalmente garantiti”, presentò ugualmente la domanda, risultando l’unico partecipante e avviando contestualmente un ricorso contro “l’illegittimità della clausola del bando che escludeva i rappresentanti sindacali”.

Successivamente, la MessinaServizi Bene Comune S.p.A. decideva, per intervento della commissione di gara, di disapplicare il bando nella parte contestata con il ricorso. Tuttavia, in data 20/11/2019, la società procedeva ad affidare l’incarico per tre mesi a un soggetto esterno per l’importo di 10.000 euro “a fronte di un servizio che, tecnicamente, il dipendente di MessinaServizi Bene Comune S.p.A., escluso dalla selezione, avrebbe fornito gratuitamente e nell’ambito delle proprie mansioni lavorative”.

L’esclusione del dipendente era motivata dal mancato possesso del dipendente di un requisito di selezione non previsto nell’avviso di selezione pubblica.

Dopo di che, scaduto l’affidamento trimestrale al professionista esterno, la MessinaServizi Bene Comune procedeva quindi ad un’indagine di mercato per l’individuazione di una società esterna a cui affidare per due anni il servizio per un importo pari a 80.000 euro. (qui i dettagli della vicenda, spiegata dall’avvocato Santi Delia). 

Una vicenda su cui Russo intende venga fatta chiarezza: «Per gli effetti delle decisioni di MessinaServizi Bene Comune S.p.A. – scrive il consigliere – sono stati affidati ad esterni dei servizi per circa 90.000 euro che avrebbero potuto essere svolti con personale interno avente i requisiti e la formazione per poterli eseguire adeguatamente e senza esborsi aggiuntivi per le casse pubbliche»

Tre in particolare i quesiti posti al primo cittadino dall’esponente del Pd, che chiede quali provvedimenti intenda porre in essere l’Amministrazione “per sanzionare le responsabilità delle condotte amministrative aziendali che hanno esposto l’Ente a una espressa condanna da parte del Tribunale di Messina” e se non ritenga opportuno avviare l’azione di accertamento di responsabilità per individuare le figure aziendali coinvolte.

Russo chiede inoltre se il sindaco “non ritenga grave e inopportuno” che un servizio a cui l’Azienda partecipata avrebbe potuto far fronte con risorse interne e senza affidamenti costati cospicui esborsi di denaro pubblico a favore di soggetti privati esterni sia stato appaltato al di fuori di MessinServizi Bene Comune S.p.A. e, di conseguenza, “se l’Amministrazione intenda procedere a emanare linee guida alle società partecipate che espressamente indichino come l’affidamento dei servizi in esterna resti la extrema ratio di un percorso che dovrebbe – come prevede la normativa di settore – individuare prima le risorse interne alle aziende a costo zero per l’Ente”.

L’ultimo quesito, infine, riguarda l’intenzione del Sindaco di vigiliare (e se sì, con quali strumenti) “per verificare se l’ordinanza del Tribunale di Messina  sia stata a oggi fatta applicare o meno nei confronti del dipendente che propose ricorso”.

 

guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments