MESSINA. Arrivano le minacce agli organizzatori del “Pride” di Messina, che si terrà l’8 giugno, per la prima volta nella storia della città, e che ha già sollevato lunghe discussioni. A lanciare l’allarme sul clima ostile alla manifestazione che si sta creando da parte di alcuni (fortunatamente pochi), è Rosario Duca, presidente dell’ArciGay Messina e uno degli organizzatori.

Abbiamo allertato la polizia postale, sui casi di inaudita ferocia e minacce si dovrà procedere a denuncia di parte”, ha spiegato Duca, che nei giorni scorsi insieme agli organizzatori ha annunciato di aver dato mandato ai legali di sporgere querela nei confronti di chi, soprattutto su Facebook, ha commentato con ingiurie e minacce di morte, ha sottolineato il presidente dell’ArciGay.

Molti degli insulti sono arrivati sulla pagina Facebook del sindaco Cateno De Luca, che si è pubblicamente dissociato dai tanti commenti omofobi apparsi sui social, dopo l’annuncio della manifestazione. “Esprimo la mia solidarietà a chi subisce attacchi e minacce”, ha spiegato il sindaco, prendendo però anche le distanze dall’evento: non ritenendo opportuno concedere il patrocinio da parte del Comune, De Luca ha precisato di non condividere “i profili goliardici che rasentano l’oscenità in luogo pubblico ed il fanatismo. Odio i pregiudizi e non condivido il fanatismo nelle diversità! Mi auguro che si tratti di una manifestazione sobria finalizzata a richiamare l’attenzione contro ogni forma di discriminazione”.

Nel frattempo, il Pride messinese è diventato virale: un post di un utente, sulla pagina Io Lo Segnalo Al Sindaco De Luca Lui Risolverà Per Una Messina Migliore, è finito infatti sull’aggregatore satirico “Il signor distruggere”. Nel post, l’utente si lascia andare ad una accorata preghiera a De Luca affinché “blocchi” (anche se un sindaco non ha alcuna facoltà di vietare manifestazioni di qualunque tipo) la parata: “Signor sindaco il 15 giugno a messina si terra il gay pride … spero che lei si opporrà con tutte le sue forze a questo schifo …. Messina è con lei … perfavore impedisca tutto ciò”, ha scritto l’utente del gruppo Facebook.

Nel giro di qualche ora, il post, rimbalzato dalla pagina satirica, ha ottenuto 1800 reazioni e 700 commenti: la maggior parte dei quali prendevano atto con soddisfazione della levata di scudi dei messinesi rispetto al post in questione.

 

guest
1 Comment
meno recente
più recente più votato
Inline Feedbacks
View all comments
Alfredo
Alfredo
18 Marzo 2019 7:58

Non cambieranno mai questi bigotti. Mentalità chiusa come l’uomo sapiens!!
La miglior cosa purtroppo è andar via!!