Adnkronos:

“ll dipartimento regionale Agricoltura ha espresso parere favorevole sull’istanza di riconoscimento relativa alla Dop (di origine protetta, ndr) della Provola dei Nebrodi. Il ministero delle Politiche agricole adesso potrà avviare l’istruttoria nazionale. “L’adesione ai regimi di qualita’ certificata, rappresenta una priorita’ di questo assessorato – dice l’assessore all’Agricoltura della Regione siciliana, Antonello Cracolici -. Stiamo lavorando per sostenere le aziende e i territori siciliani che scommettono sulla qualita’ e la tracciabilita’ dei prodotti”. Il parere di legittimita’, sottoscritto con esito favorevole dal dirigente generale Gaetano Cimo’, rappresenta il primo passo verso il riconoscimento ufficiale della Dop Provola dei Nebrodi.

Gli uffici dell’Area 5 – Brand Sicilia e marketing territoriale, responsabili dell’istruttoria, hanno trasmesso il parere favorevole al ministero. “Il Consorzio formaggio provola dei Nebrodi ha formalizzato la rinuncia alla scelta di un organismo di controllo privato, per queste ragioni il dipartimento ha proposto il Consorzio di ricerca filiera carni come soggetto accreditato” spiega Cracolici.

La zona di produzione interessata dal disciplinare comprende 47 comuni delle province di Messina, Catania ed Enna. In questi ultimi mesi la Sicilia ha ottenuto il via libera dall’Ue sull’Igp Sicilia per l’olio extravergine, mentre il dipartimento regionale Agricoltura ha approvato i pareri di legittimita’ su Dop aglio rosso di Nubia, Dop cappero delle isole Eolie e Igp cioccolato di Modica. “Con 61 marchi riconosciuti – conclude l’assessore regionale all’Agricoltura – la Sicilia e’ al primo posto per numero di Dop e Igp e per numero di presidi slow food”.

guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments