MESSINA. Una coppia a Santo Stefano di Camastra è risultata positiva al Coronavirus. È quanto comunica il sindaco del Comune tirrenico, Francesco Re, informando i propri concittadini che l’uomo e la donna si sono già messi in autoisolamento, e con loro anche altre 23 persone, venute a contatto con i due, che aspettano di effettuare l’esame del tampone richiesto dal primo cittadino. Nel frattempo, l’Asl messinese ha avviato un’indagine epidemiologica per risalire ai contatti.

«I nostri due concittadini risultati, pur se asintomatici, positivi all’esame tampone Covid-19, prontamente, si sono posti in auto isolamento e quarantena – ha scritto ieri sera il sindaco della cittadina in una nota  – Abbiamo provveduto, grazie alla loro immediata e responsabile collaborazione, a ricostruire la catena dei contatti interpersonali degli ultimi giorni e conseguentemente a mettere in quarantena vigilata e/o isolamento, chiunque, in ragione dei contatti avuti, fosse a rischio di potenziale contagio. Per costoro ho provveduto immediatamente a richiedere l’urgente effettuazione di esami tampone che conto possano essere effettuati con estrema celerità».

«Si rende ancor di più necessario per tutti – prosegue il sindaco – assumere comportamenti improntati alla massima e fattiva collaborazione e soprattutto rispettosi della osservanza di tutte le misure di prevenzione e contenimento. Obbligatorio e non derogabile l’uso costante della mascherina in tutti gli ambienti trafficati dove è potenzialmente a rischio il venir meno del rispetto della distanza interpersonale di almeno un metro. Divieto assoluto di assembramento in spazi e locali pubblici. Mi auguro che grazie alla responsabile e matura collaborazione di tutti, si possa evitare, nelle prossime ore, di dover rendere necessaria la reintroduzione di ulteriori e già sperimentate misure di prevenzione e contenimento rischio epidemiologico. Ai nostri concittadini vanno la solidarietà di tutta la comunità stefanese vicina e lontana ed i migliori auguri di un pronto ritorno alla normalità», ha concluso Francesco Re.

 

 

guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments