MESSINA. Dopo l’intervento di Gaetano Sciacca, che a nome di tutto il gruppo consiliare pentastellato aveva commentato il rinvio a giudizio per evasione fiscale del sindaco Cateno De Luca, sulla questione intervengono anche i portavoce messinesi del M5S, che replicano indirettamente ai legali del primo cittadino, Carlo TaorminaTommaso Micalizzi. Gli avvocati, in una nota, avevano minacciato richieste di provvedimenti nei confronti dei giudici.

“Il compito della Magistratura – scrivono gli esponenti pentastellati – è sempre stato quello di accertare i fatti, con imparzialità e meticolosità. I continui attacchi al lavoro di giudici e magistrati non fanno bene né alla giustizia né alla democrazia né tanto meno ad una città che ha l’esigenza di esser posta al centro dell’attenzione della neo macchina amministrativa e burocratica. Lasciamo che la Magistratura svolga il suo compito senza attacchi o pressioni. Solo così si potranno accertare fatti e reati e, eventualmente, stabilirne fondatezza o insussistenza. Noi crediamo nell’onesto lavoro di giudici e magistrati e siamo più che certi che la verità, alla fine, prevarrà su tutto”.

guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments