Coronavirus, il Il M5s: «Agli agenti della Municipale lo stesso corrispettivo economico delle altre forze di Polizia»

I consiglieri Argento, Cannistrà, Fusco e Mangan chiedono alle istituzioni l’applicazione di quanto previsto del Ministero dell’Interno, "che ha deciso di uniformare i salari del personale impegnato in servizi operativi di ordine e sicurezza pubblica nel corso dell’emergenza"

 

MESSINA. «Sia la Polizia Municipale che Polizia Metropolitana fruiscano dello stesso corrispettivo economico delle altre forze di Polizia quando impegnate a prestare servizio esterno per fronteggiare l’emergenza Coronavirus, come disposto dalla nota del 13 marzo del Ministero dell’Interno, che attribuendo loro l’indennità di Ordine Pubblico, secondo le previsioni di legge, ha ritenuto opportuno uniformare il trattamento economico del personale impegnato in servizi operativi di ordine e sicurezza pubblica nel periodo compreso dal 9 marzo al termine dell’emergenza sanitaria». È la richiesta avanzata al Prefetto, al Questore, al Sindaco e al Comandante dei Vigili Urbani di Messina dai consiglieri del M5s Andrea Argento, Cristina Cannistrà, Giuseppe Fusco e Paolo Mangano.
«In questi giorni di emergenza – spiegano – gli agenti della Polizia Locale del Comune di Messina e della Città Metropolitana stanno già assicurando con impegno, spirito di sacrificio e abnegazione i servizi di controllo disposti a livello nazionale, regionale e locale, in virtù delle qualifiche di Polizia giudiziaria e di Polizia stradale. Eppure, malgrado siano impegnati sul territorio nell’espletamento della loro attività di controllo al pari delle altre forze di Polizia, non usufruiscono del medesimo trattamento economico», concludono, chiedendo alle istituzioni cittadine “di emanare al più presto le opportune disposizioni obbligatorie e urgenti”.

Lascia un commento

avatar
400