MESSINA – Una palazzina a Mili Marina confiscata a Michelangelo Alfano, l’imprenditore palermitano, poi trasferito a Messina, condannato per mafia. Era stato poi ristrutturato con fondi comunitari e affidato ad Arcigay Messina. “Non è però mai stato utilizzato, e adesso viene depredato di ogni cosa”, denuncia Enzo Messina, presidente del primo quartiere. Fili elettrici completamente estirpati e perfino la porta di ingresso è stata trafugata. L’immobile era stato confiscato dalla Dia ed affidato per “pronto soccorso sociale, nel luglio del 2015 all’associazione culturale ma “rimasto completamente nell’abbandono”, continua Messina. Che conclude: “Un risultato grave dovuto sia all’abbandono da parte di Arcigay che al mancato controllo del Comune sull’effettivo utilizzo. Spero che almeno si revochi la delibera che lo concedeva in comodato d’uso”.

guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments