Niente stipendi ai dipendenti Atm, i sindacati proclamano lo sciopero di tutto il personale

L'annuncio di Filt Cgil e UIltrasporti dopo le dichiarazioni di Cateno De Luca, il quale ha annunciato mesi duri per i dipendenti dell'azienda trasporti: «il diritto al salario dei lavoratori è costituzionalmente previsto e non è ammissibile che tale diritto venga messo in discussione in maniera strumentale»

 

MESSINA. «Le scriventi OOSS in riferimento alle gravi dichiarazioni del Sindaco di Messina e dei vertici Atm giunte da notizie stampa che pongono forti preoccupazioni in merito al pagamento degli stipendi ai dipendenti, nel chiedere massima chiarezza a tutela dei diritti al salario con la presente attivano lo stato di agitazione del personale e le procedure di sciopero secondo quanto previsto dalla normativa vigente».

A scriverlo, in una nota rivolta al primo cittadino Cateno De Luca, alla Prefettura e al presidente del Consiglio comunale, sono le sigle sindacali Filt Cgil e UIltrasporti, che prendono posizione dopo le parole del sindaco, il quale ha annunciato mesi duri per i dipendenti dell’azienda trasporti, incolpando il consiglio comunale e gli stessi sindacati. Il problema è legato alla liquidazione della vecchia azienda, e alla partenza della nuova società per azioni. Ma non solo (qui i dettagli). «I lavoratori di ATM in liquidazione non percepiranno lo stipendio di novembre, dicembre e tredicesima e potranno percepirete lo stipendio solo quando partirà la nuova Atm Spa, e per il servizio prestato nella nuova azienda», ha dato ieri De Luca al termine della riunione per definire i passaggi che vedranno l’entrata in vigore della nuova società per azioni al posto della vecchia (e in liquidazione) azienda speciale. Una presa di posizione che ha destato l’immediata reazione dei sindacati.

«In attesa di specifica convocazione e dei dovuti chiarimenti che attendiamo dall’organo comunale amministrativo e dai vertici aziendali  – scrivono – si ribadisce che il diritto al salario dei lavoratori è costituzionalmente previsto e non è ammissibile che tale diritto venga messo in discussione in maniera che riteniamo strumentale come elemento destabilizzante di una procedura di liquidazione in cui il Consiglio Comunale senza indebite pressioni deve accertare con massima trasparenza e serenità unicamente la situazione economica finanziaria dell’azienda speciale Atm. In attesa di riscontro viene attivata la prima fase delle procedure di sciopero di tutto il personale Atm», concludono.

1
Lascia un commento

avatar
400
1 Comment threads
0 Thread replies
0 Followers
 
Most reacted comment
Hottest comment thread
0 Comment authors
Recent comment authors
più recente meno recente più votato
trackback

[…] Niente stipendi ai dipendenti Atm, i sindacati proclamano lo … […]