Fondi 2014/2020, quali sono e a che punto sono i 5 progetti che hanno ricevuto più finanziamenti

Dallo sbaraccamento al depuratore di Mili, ecco quali sono i cinque progetti maggiormente finanziati ed a che punto sono i lavori. Ecco quanti cantieri sono partiti e quanti devono ancora farlo

 

MESSINA. Nel precedente articolo abbiamo fatto un resoconto della situazione riguardanti i fondi strutturali, italiani ed europei, che per il ciclo di programmazione 2014/2020 ammontano ad 1,8 miliardi di euro, suddivisi in 931 progetti. Quali sono stati i progetti ai quali sono andati i maggiori finanziamenti, ed a che punto sono? In questa lista dei 5 progetti che hanno ricevuto maggiori finanziamenti – così come ricavata da Opencoesione, aggiornata al 31/05/2019 – rientrano esclusivamente i progetti che ricadono interamente o per la maggior parte nel territorio del comune di Messina, escludendo quindi i progetti che, seppur avendo un finanziamento maggiore, non ricadono esclusivamente – o lo fanno solo marginalmente – nel capoluogo peloritano.

Al primo posto c’è il progetto che porta il nome di “Realizzazione di una piastra logistico-distributiva nell’area S. Filippo – Tremestieri Messina”, progetto che in città era stato al centro di alcune polemiche: finanziata per 38.811.240,98€ e con i cantieri ancora in corso (l’inizio dei lavori è formalmente previsto per il primo gennaio 2020), verrà realizzata interamente dal Fondo per lo Sviluppo e la Coesione. In seconda posizione troviamo la “Riqualificazione ambientale e risanamento igenico-sanitario dell’alveo del torrente Cataratti-Bisconte” con i suoi 30 milioni di finanziamento: i cantieri di questo progetto sono iniziati da poco, e la fine è prevista per il marzo 2020.

Scorrendo la graduatoria troviamo i fondi relativi al risanamento urbano ed al potenziamento degli immobili dell’Edilizia Residenziale Pubblica: 13 milioni il costo del progetto (non ancora partito), finanziato per il 75% dall’UE tramite il Fondo Europeo di Sviluppo Regionale (FESR) e per il 25% dal Fondo di Rotazione. Al quarto posto troviamo le attività di revamping dell’impianto di digestione anaerobica presente nel depuratore di Mili: 10 milioni il finanziamento totale, ed i lavori non sono ancora iniziati. In quinta posizione invece troviamo gli interventi in località Larderia, che si aggiudicano un finanziamento per 9 milioni ed ottocentomila euro: i cantieri sono partiti nel settembre 2018.

Lascia un commento

avatar
400