Cinque cose da fare il primo maggio a Messina (e dintorni)

In riva al mare o in mezzo alla natura, all'insegna della cultura o dello svago, fra abbuffate pantagrueliche, rustute infinite e tanta buona musica. Ecco come trascorrere la Festa del Lavoro in città e provincia

 

Alla (ri)scoperta della provincia

 

Tantissimi gli eventi in provincia, sia sul lato tirrenico che su quello ionico. Iniziamo da Montalbano Elicona, uno dei borghi più belli d’Italia, che dopo il boom di presenze delle prime tre giornate (e in particolare del 25 aprile), si prepara all’appuntamento conclusivo di “Viaggio nel Medioevo”. Anche in questa occasione, il culmine della manifestazione storica saranno le spettacolari performance della Compagnia Batarnù, in scena nell’imponente Castello, che sarà possibile visitare insieme alle Museo delle Armi e al centro Medioexpò.

Protagonista a Mistretta sarà invece la natura incontaminata, grazie all’Associazione Pfm, che propone una visita al Museo Regionale delle Tradizioni Silvo-Pastorali e un’escursione lungo un’antica Trazzera che un tempo collegava Mistretta a Caronia, con la possibilità di visitare una delle bellissime cascate presenti lungo il percorso.

 

Segnalazione finale per “Wood – Bosco in Festa”, in scena a San Marco D’Alunzio: una giornata di relax e divertimento, immersi nella natura. Si inizia al mattino, con visite guidate alla scoperta del Borgo aluntino, e si prosegue alle 14 al ritmo di tanta buona musica, con le esibizioni del DJ SimoneLeBon, Batia Brothers, Nuntereggaepiù 2.0 e Simone Mileti. Previste anche tante attività ludico-didattiche per i bambini (a partire dalle 11) e gli irrinunciabili picnic, proprio nel cuore del Parco dei Nebrodi, tra aria purissima e paesaggi mozzafiato.

Pagine:Pagina precedente 1 2 3 4 5 Pagina successiva

Lascia un commento

avatar
400