I consiglieri del M5S: “Il caso dell’isola pedonale denota un pressapochismo ingiustificabile”

Il gruppo consiliare interviene nuovamente sull’eterna querelle che ha tenuto banco in questi giorni, prendendo di mira il continuo rimpallo di responsabilità e la mancanza di programmazione da parte della Giunta: «Se ci avessero risposto nei tempi congrui adesso non ci troveremmo in questa situazione paradossale»

 

MESSINA. “Malgrado manchino appena tre giorni all’inizio delle festività, i messinesi non sanno ancora se e dove sorgerà l’isola pedonale natalizia, a causa di un continuo rimpallo di responsabilità e alla totale mancanza di programmazione da parte della Giunta, che denota un pressapochismo ingiustificabile“.

Il gruppo consiliare del M5S interviene sull’eterna querelle dell’isola pedonale natalizia, ribadendo il concetto già espresso lo scorso 18 ottobre, quando i consiglieri Andrea Argento e Serena Giannetto hanno presentato un’interrogazione all’amministrazione (inerente anche l’utilizzo della Ztl) chiedendo un confronto fra le parti in causa con l’obiettivo di pianificare la pedonalizzazione di una o più aree del centro storico.

“Se la Giunta avesse risposto nei tempi congrui al nostro appello, iniziando a predisporre tutte le misure e i provvedimenti propedeutici alla creazione di uno spazio pedonale degno di una città civile – specificano i consiglieri – adesso non ci troveremmo in questa situazione caotica e paradossale. L’istituzione di un’isola natalizia è un argomento all’ordine del giorno e di ‘normale amministrazione’ a qualsiasi latitudine. A Messina, invece, ha assunto purtroppo tutti di canoni di una barzelletta che non fa ridere nessuno. A pagarne le conseguenze – proseguono i pentastellati – sarà tutta la città, che nella migliore delle ipotesi dovrà accontentarsi di una o più strade chiuse al traffico, con qualche fioriera disseminata qua e là, sebbene una ‘vera’ isola pedonale necessiti di una seria programmazione che tenga conto di numerosi fattori, dalle modifiche al piano traffico all’illuminazione, senza dimenticare mezzi di trasporto pubblico funzionali alla fruizione dell’area ed elementi di arredo urbano che favoriscano la socializzazione: si tratta di condizioni indispensabili che devono essere gioco forza discusse e valutate con largo anticipo”.

«Stupisce, inoltre – proseguono – il tentativo mal celato di addossare tutte le responsabilità in merito alla location al Consiglio comunale: si tratta di una decisione che spetta in primis al Sindaco e ai suoi assessori, che non possono fare come Ponzio Pilato, delegando ad altri una scelta che chi sostiene di “saper amministrare” avrebbe dovuto fare già da mesi. Alla luce di quanto accaduto in questi giorni – concludono i consiglieri – ci auguriamo adesso che chi di dovere faccia tesoro degli errori commessi e inizi a programmare per tempo e nei modi opportuni un’isola pedonale permanente che sia in linea con le principali città siciliane, italiane ed europee».

Lascia un commento

avatar
400