Isole pedonali permanenti? Salvatore Sorbello va controcorrente: «Apriamo al traffico piazza Cairoli»

Il consigliere comunale sposa l'idea di chiudere al traffico il Viale San Martino (ma solo per le festività natalizie) e lancia la proposta di rendere lo slargo nuovamente percorribile dalle auto. Nel suo mirino anche la struttura metallica della piazza: «Un obbrobrio pericolosissimo»

 

MESSINA. Mentre la città si interroga (e litiga) sull’eterna questione isola pedonale, natalizia e permanente, dibattendo sul luogo migliore per realizzarla, arriva l’opinione fuori dal coro del consigliere comunale Salvatore Sorbello, che affida la sua “provocazione” alla propria bacheca Facebook: riaprire al traffico Piazza Cairoli.

Per l’esponente del Gruppo Misto, che ribadisce la sua posizione in due diversi post, la soluzione più idonea per tutti i messinesi è quella di pedonalizzare il Viale San Martino nel corso delle festività natalizie, una proposta, rilanciata nei giorni scorsi in Consiglio, che sembra aver avuto anche il benestare dell’Amministrazione: «Scendono con il Tram e decidono dove andare. Sui commercianti, se proprio vogliamo farne cenno in maniera completa e senza dimenticare alcuni di essi, allora, diciamo che esistono anche quelli al di sotto del Viale che ogni anno sono discriminati per colpa della via dei Mille”, scrive Sorbello, per il quale, tuttavia, si tratta solo di una soluzione temporanea, da mettere in atto solo nel periodo festivo.

«Ma quale permanente! – specifica infatti in un commento – Appena finiscono le feste chiedo di riaprire al transito anche di Piazza Cairoli! Così finalmente “se score se scoreeee”». Che la sua non sia una semplice battuta lo si evince dal post successivo, in cui lo stesso concetto viene ribadito con maggiore risalto (sebbene poi faccia un parziale passo indietro, con la proposta di chiudere la piazza al traffico solo nei festivi).

Non è l’unico intervento di “restyling” proposto dal consigliere, che in un successivo post chiede il sostegno degli utenti per far rimuovere la struttura metallica che sorge proprio sopra la piazza (accomunata da molti a una immensa “tarigghia”). “È un obbrobrio pericolosissimo”, scrive, ottenendo l’approvazione di gran parte dei commentatori (a parte qualcuno che vorrebbe riqualificarla trasformandola in una terrazza o costruendoci su persino un ristorante).

Sorbello tra l’altro non è nuovo a proposte provocatorie, come quella di qualche mese fa, in cui chiedeva di cambiare nome alla via Garibaldi, intitolandola alla “Madre assunta”.

 

2
Lascia un commento

avatar
400
2 Comment threads
0 Thread replies
0 Followers
 
Most reacted comment
Hottest comment thread
2 Comment authors
AlfredoAnonimo Recent comment authors
più recente meno recente più votato
Anonimo
Ospite
Anonimo

Messina dovrebbe avere un’area pedonale permanente, come qualsiasi altra città.
Il viale s. Martino sarebbe l’ideale, dalla via s.cecilia fino a piazza Cairoli.
Guardate Reggio, non mi sembra che i commercianti si lamentino, anzi.
Il problema è che la gente vuole entrare con le macchine fin dentro i negozi.

Alfredo
Ospite
Alfredo

Un consiglio passionale a tutti i naviganti, lasciate prima possibile questa stupenda città ma abitata da ebeti dementi!!