BARCELLONA POZZO DI GOTTO. Due ensemble corali insieme per una serata che avrà come protagonista assoluta la voce. Ecco dunque nel cartellone del Teatro Mandanici di Barcellona Pozzo di Gotto arrivare il momento di “Canzoni. Dalla chanson rinascimentale alla musica pop”, lo spettacolo-evento di sabato 8 aprile 2017 (ore 21) che vede insieme l’Ensemble Vocale “Cantica Nova”, nata a Milazzo nel 1989, diretto da Francesco Saverio Messina, e il Coro Polifonico “Ouverture”, fondato nel 1994, diretto da Giovanni Mirabile.

«Abbiamo già realizzato progetti musicali con altri cori – spiega Francesco Saverio Messina – ed è sempre molto stimolante, dal punto di vista artistico, mettere insieme risorse vocali, idee, energie per realizzare un progetto comune che poi è l’essenza stessa del lavoro corale. Il progetto musicale della serata al ‘Mandanici’ è unico e segue la stessa finalità ma viene realizzato da due ‘protagonisti’. Non posso che sottolineare la nostra gioia nel collaborare con un’altra bellissima realtà della coralità siciliana, come è il coro ‘Ouverture’ di Barcellona». «Ogni volta che le città di Barcellona e Milazzo si sono unite per realizzare un progetto comune – sottolinea Giovanni Mirabile – sono sempre nate delle bellissime iniziative. La musica corale, che è la quintessenza di questo spirito, esalta l’aspetto collaborativo più di ogni altra forma d’arte. Il nostro incontro ha radici antiche; da sempre abbiamo creato occasioni per unire le nostre forze, trovandone il senso nel desiderio di creare insieme ad altri qualcosa ancora più bello di quello che si può creare rimanendo da soli, ma forse mai come in questa occasione siamo stati così uniti nel realizzare un progetto comune. Siamo felici di cantare con i nostri ‘vicini di casa’ e siamo sicuri che questo bel momento non passerà inosservato».

Per questo appuntamento speciale, spiegano ad una voce i due direttori, si è scelto insieme il repertorio da proporre al pubblico del “Mandanici”, facendo leva sulle identità vocali di ciascuno, e rispettando appieno le sensibilità che ne hanno guidato il percorso. Tra contaminazioni e “classici”, lo spettacolo in teatro sarà un momento unico. Al servizio di un obiettivo dichiarato: quello di far emozionare gli spettatori. Emozioni, senso dell’armonia, energia veicolati da quella capacità di mettere in campo, allo stesso momento, passione e professionalità.

«Questo concerto – aggiunge Messina – è un’ulteriore occasione per divulgare la musica corale in un luogo e un contesto teatrale solitamente utilizzato per altre forme di spettacolo. Spesso si associa questa musica al genere sacro che in quest’occasione è stato volutamente estromesso per lasciare spazio alla ‘canzone’ che, sin dal periodo rinascimentale, accompagna il nostro quotidiano, le nostre emozioni, i nostri sogni, le nostre paure”. “Speriamo – conclude Mirabile – che un concerto corale in un luogo così significativo per la città possa saldare ancora di più queste realtà musicali con Barcellona, e possa far appassionare altri al canto corale. I cori sono delle realtà sane, esprimono gli stessi valori che dovrebbero animare la società civile: onestà d’intenti, passione e voglia di fare bene in gruppo, rispetto reciproco, convivenza, valorizzazione delle eccellenze ma nello stesso tempo vicinanza e calore umano. Nel coro non ci si sente mai soli, è una passione che quando ti prende non ti abbandona più, ed io spero di riuscire a trasmetterla a chi verrà ad ascoltarci».

 

 

guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments