MESSINA. Continua l’ondata di caldo che è iniziata la scorsa domenica e che ha invaso tutta l’Isola, anche se in questi giorni il settore Tirrenico subirà un lieve calo termico, che però non verrà avvertito a causa dell’alto tasso di umidità.

A comunicarlo il meteorologo Giuseppe Visalli, sulla sua pagina Facebook “Meteo Milazzo e dintorni”, dove ha anche annunciato una “nuova escalation che ci condurrà  a un fine settimana molto caldo”.

Il caldo secondo il meteorologo deriva dalla penisola scandinava. La penisola periodicamente viene rifornita da impulsi di aria fresca ed instabile dall’area nord-atlantica; sono questi che, scorrendo sul bordo sud-occidentale dell’area depressionaria, causano periodiche elevazioni del promontorio anticiclonico nord-africano che trasporta aria molto calda dal deserto del Sahara. 

La situazione risulta essere bloccata e lo sarà ancora per molto, quindi non c’è da aspettarsi miglioramenti anche nei prossimi giorni.

Secondo Visalli la nuova ondata di aria calda raggiungerà il picco nel fine settimana, quando l’asse di una saccatura atlantica scorrerà tra Francia e nord Italia. 

Sulla Sicilia si prevedono temperature comprese tra i 33/36°C sulle coste ed i 40/42°C nelle zone interne. 

All’inizio della prossima settimana, invece, una traslazione verso est determinerà l’afflusso di correnti più fresche sul nord Italia e sul centro Italia, mentre solo marginalmente verranno coinvolti il sud e le isole. 

Seguirà, poi,  una nuova elevazione del promontorio nord-africano, che riporterà le temperature di molti gradi sopra le medie del periodo.

Secondo Giuseppe Visalli “ad oggi è totalmente impossibile determinare la fine dell’ondata di aria calda, poiché tutti i modelli di previsione indicano temperature sopra le medie del periodo fino almeno al 7 agosto, anche se attualmente già dopo il 3 agosto la previsione inizia ad essere affetta da errori più o meno grandi.”

guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments