MESSINA. Nascerà una nuova Municipalità nel Comune di Messina. Sarà la settima e avrà i confini di quello che poteva essere il 109esimo comune della provincia di Messina: Montemare. Con un atto di indirizzo, infatti, ieri la nuova Giunta comunale di Palazzo Zanca ha adottato l’iniziativa della modifica delle circoscrizioni di decentramento, dividendo l’attuale Sesta circoscrizione. Il nuovo quartiere comprenderà i villaggi collinari e rivieraschi della zona nord: Ortoliuzzo, Rodia, San Saba, Spartà, Acquarone e fino alla spiaggia di Tono (compresa). Poi il villaggio di Gesso, che segna il confine con il comune di Villafranca sui colli San Rizzo; e al suo interno i paesi di Salice, Castanea e delle quattro Masse (San Giorgio, San Nicola, Santa Lucia e San Giovanni). I confini con la Quinta circoscrizione resteranno a Castanea. La sesta municipalità, quindi, comprenderà invece: Curcuraci, Faro Superiore, Torre Faro, Ganzirri, Sant’Agata, Pace e Contemplazione. Il confine è definito, come in passato, dal torrente Annunziata (annesso al Quinto Quartiere). Come procederà l’iter normativo? Dal punto di vista legislativo, è il Comune a istituire le circoscrizioni, attraverso il proprio Statuto che sancisce l’articolazione del territorio comunale in circoscrizioni di decentramento, stabilendone il numero, la denominazione e la specifica delimitazione territoriale, la quale solitamente comprende aree territoriali integrate ed equilibrate per insediamenti abitativi e per attività economiche, dotate della rete di servizi essenziali di utilità generale. Le modifiche del numero e delle delimitazioni territoriali delle Municipalità sono deliberate a maggioranza assoluta dei componenti del Consiglio Comunale. La giunta ha quindi predisposto la delibera da inviare in aula, che andrà calendarizzata, messa all’ordine del giorno, discussa in commissione e quindi votata: verosimilmente dopo l’estate, a meno di un’accelerazione nelle procedure imposta dal presidente del consiglio comunale Cateno De Luca. Gli sforzi dell’amministrazione, però, almeno fino al 29 luglio saranno orientati a far approvare all’aula il piano di riequilibrio.

Planimetria dei confini che avrebbero delimitato il Comune di Montemare

guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments